Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Incendi, pompieri a lavoro a Catania e provincia
Brucia garage a Librino e abitazione a Paternò

Gli uomini del 115 sono entrati in azione in via Falanga, nel Comune poco distante dal capoluogo etneo. A fuoco la camera da letto di un'abitazione, forse a causa di un mozzicone di sigaretta. Ieri notte le fiamme hanno avvolto rifiuti vari al viale Nitta

Salvatore Caruso

Foto di: Vigili del fuoco

Foto di: Vigili del fuoco

Nelle ultime 12 ore tre diversi incendi, uno in città e due nei paesini dell’hinterland catanese, hanno tenuto impegnati gli uomini del 115. A Paternò, intorno alle 11.45 un rogo si è sviluppato all'interno di un’abitazione in via Falanga, una stretta e piccola arteria viaria del centro storico che collega piazza Cristo Re con via Garibaldi. Ad avvertire i vigili del fuoco i residenti della zona che hanno visto del fumo uscire da una finestra del primo piano. Il pronto intervento dei pompieri ha evitato il peggio, anche se il lavoro degli uomini del 115 è stato reso difficoltoso in quanto l’autobotte non poteva transitare in via Falanga. Con una scala i vigili del fuoco sono entrati in casa dal primo piano - in quel momento il proprietario era assente, arrivato in zona qualche minuto dopo - e hanno proceduto a spegnere il rogo. Le fiamme hanno interessato solo la camera da letto. Sono andati distrutti il materasso e la rete, mentre la stanza e il resto dell’appartamento si sono anneriti. Alla base del fatto potrebbe esserci una cicca di sigaretta caduta sul letto. Le operazioni di spegnimento e di bonifica si sono concluse intorno alle 13.30.

Si sono concluse poco dopo le 10 le operazioni di bonifica e messa in sicurezza dell’appartamento di Riposto, al cui interno è scoppiato un incendio domato dai vigili del fuoco del distaccamento locale e dai colleghi del comando provinciale etneo giunti dalla sede di via Cesare Beccaria. Il rogo si sarebbe sviluppato, per cause ancora in fase di accertamento, dall'interno della camera da letto in cui vive da sola una donna di circa 80 anni. La pensionata sarebbe riuscita ad abbandonare il proprio appartamento anche grazie all’aiuto dei residenti della palazzina, in via Gramsci, i quali, a scopo precauzionale hanno deciso di lasciare i propri alloggi in attesa dell’arrivo dei mezzi di soccorso. Sul posto oltre i vigili del fuoco anche i carabinieri e i medici del 118; i sanitari hanno potuto constatare come la donna non fosse ferita, ma in evidente stato di shock. Gli uomini del 115, durante le operazioni di spegnimento, hanno portato fuori dall’immobile delle bombole del gas. Al vaglio dei pompieri le condizioni dell’appartamento. Da un successivo e specifico sopralluogo sarà possibile quantificare i danni e accertarne l’agibilità.

A Catania intervento dei vigili del fuoco ieri sera poco dopo le 22.30 all’interno di un garage di viale Nitta, nel quartiere Librino. A pendere fuoco rifiuti vari e masserizie. Il fumo ha invaso parte della palazzina soprastante che, per precauzione, è stata temporaneamente evacuata. La squadra dei vigili del fuoco è intervenuta con un autopompa serbatoio, due autobotte ed un carro aria.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×