Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania, il derby contro il Siracusa è già un bivio
Rossazzurri attesi al riscatto dopo ko di Potenza

Stasera al Massimino alle 20.30 il Catania affronterà il recupero della seconda giornata. Contro gli aretusei, reduci dal cambio di panchina e da due successi consecutivi, gli etnei sono chiamati a dare risposte per cancellare la pesante sconfitta di una settimana fa

Giorgio Tosto

Foto di: Filippo Galtieri

Foto di: Filippo Galtieri

A certificare la dura realtà della Serie C è stato l'amministratore delegato del Catania Pietro Lo Monaco che, alla fine dell'assemblea elettiva di Lega Pro, è tornato sulla disfatta rossazzurra di Potenza. «È stata una brutta sconfitta, causata da un approccio sbagliato alla partita. Dovunque andiamo - ha ribadito il direttore - gli avversari disputano l'incontro della vita e noi dobbiamo farci trovare pronti. Nel caso in cui non lo facessimo avremmo grosse difficoltà, perché questo è un campionato in cui si deve stare sempre sul pezzo e ci si può permettere di avere cali di tensione». Messaggio chiaro e forte, quello recapitato alla squadra in vista del delicato match di oggi contro il Siracusa: un vero e proprio bivio per gli uomini di Andrea Sottil, in cui sarà importante imboccare la strada giusta per evitare di acuire dubbi e incertezze che aleggiano attorno alla squadra dopo le ultime prestazioni.

Questo perché se a Potenza la squadra aveva completamente sbagliato approccio, già contro Monopoli e Paganese si erano intraviste delle crepe, sia a livello atletico che di gioco. Il crocevia di stasera, primo di due impegni consecutivi in casa, verrà affrontato da un gruppo che dovrà fare a meno degli infortunati Maks Barisic e Christian Llama. Lo sloveno è ancora in fase di recupero dalla lesione muscolare che lo ha colpito a metà ottobre, mentre l'argentino deve smaltire un risentimento muscolare. La buona notizia è che torna tra i convocati il centrocampista Giuseppe Rizzo: la lussazione al gomito sinistro è dimenticata e il numero 18 avrà così la possibilità di rimpolpare un reparto mediano apparso in grave difficoltà nel ko subito lo scorso sabato in terra lucana. 

Mister Sottil, dal canto suo, è convinto di poter cavare il massimo anche dalle situazioni negative: «Sappiamo qual è la nostra forza e sappiamo dove migliorare - ha detto l'allenatore dopo Potenza - e le poche sconfitte che ci saranno dovranno insegnare, soprattutto a me, gli errori da non ripetere. Dire sempre che siamo i più forti - prosegue il tecnico - non dev'essere un boomerang: dobbiamo dimostrarlo sul campo, crescendo in entrambe le fasi, giocando e combattendo fino alla fine». Le indicazioni provenienti dal campo d'allenamento portano a pensare a un ritorno del 4-2-3-1, con Baraye e Ciancio che si contendono il ruolo di terzino sinistro, Bucolo che potrebbe prendere il posto di Angiulli in mezzo al campo e Scaglia dirottato a destra, nel tridente che agirà alle spalle di uno tra Curiale e Marotta.

Dall'altra parte ci sarà un Siracusa che, pur essendo quart'ultimo con otto punti (3 vittorie, 5 sconfitte, 1 punto di penalizzazione), è reduce da due successi in campionato contro Rieti e Cavese. La novità più grande sarà in panchina: dopo le dimissioni di Giuseppe Pagana, infatti, stasera farà il suo esordio alla guida dei Leoni Michele Pazienza, ex tecnico del Pisa che, da giocatore, ha accumulato tanti anni di Serie A con le maglie di Udinese, Juventus, Napoli e Bologna. «Non cercherò di stravolgere il modo di interpretare il campo da parte dei giocatori». Queste le prime indicazioni tattiche da parte del mister aretuseo che, dunque, potrebbe confermare il 4-3-1-2 visto all'opera nell'ultima di campionato. Il Siracusa giocherà con la leggerezza di chi non ha nulla da perdere: il Catania invece dovrà subito imboccare il bivio giusto, allontanando già da stasera qualsiasi tipo di dubbio e timore. 

Probabili formazioni:

Catania (4-2-3-1): Pisseri; Calapai, Aya, Silvestri, Baraye; Biagianti, Angiulli (Bucolo); Scaglia, Lodi, Manneh; Marotta (Curiale). Allenatore: Sottil

Siracusa (4-3-2-1): Messina; Daffara, Bertolo, Turati, Di Sabatino; Mustacciolo, Tuninetti, Del Col; Catania, Palermo; Vazquez. Allenatore: Pazienza

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×