Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pizzo a Giarre, imprenditore minacciato e picchiato
Arrestati tre estorsori dopo la denuncia della vittima

La somma consegnata sarebbe stata una parte di una richiesta più ampia. In manette sono finiti Roberto Bonaccorsi, Tiziano Russo e Francesco Messina. Tutti e tre avrebbero agito con modalità mafiose e sarebbero legati ai clan Santapaola-Ercolano e Laudani

Marta Silvestre

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Un imprenditore di Giarre costretto a pagare il pizzo con violenza e minacce attuate con modalità mafiosa da tre uomini del paese ionico. Gli estorsori, arrestati dai carabinieri, sono accusati di aver intimato al titolare di un'attività commerciare di consegnare una rilevante somma di denaro, come primo acconto di una più ampia richiesta da sviluppare nel tempo. 

Il primo a finire in manette è stato Roberto Bonaccorsi, gravitante attorno ad affiliati al gruppo mafioso attivo nella zona jonico-etnea e collegato al clan Santapaola-Ercolano. Il 53enne è stato bloccato in flagranza dai carabinieri, subito dopo aver intascato duemila euro dalla vittima. 

Gli altri due sono Tiziano Russo, di 24 anni, e Francesco Messina, di 51 anni, entrambi giarresi legati al clan Laudani (Mussi di ficurinia). I due sono ritenuti responsabili oltre che di estorsione pluriaggravata in concorso, anche di lesioni aggravate ai danni della vittima

L'imprenditore sarebbe stato attirato con una scusa nelle case popolari di via Teatro, nella zona Ghiaccio. Lì sarebbe stato violentemente aggredito e avrebbe ricevuto una prima richiesta di denaro contante nell'immediato da parte di Russo e Messina. È a questo punto che sarebbe subentrato Bonaccorsi, personaggio conosciuto e ritenuto vicino al clan avversario, per svolgere la funzione di «mediatore». 

In realtà quest'ultimo non avrebbe affatto mediato, ma anzi avrebbe ribadito le richieste estorsive, ottenendo dall'imprenditore una prima rata di duemila euro, per  poi rimodulare alzare l'asticella: avrebbe infatti chiesto una considerevole percentuale sui futuri guadagni dell'attività, da spartire tra i tre. Dopo il pestaggio sarebbe stato lo stesso imprenditore a denunciare gli estorsori, cosa che nella cittadina giarrese - fatta esclusione per le denunce contro ignoti - non succedeva da oltre cinque anni

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×