Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Montepalma, maxi furto nel capannone della profumeria

Redazione

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Catania hanno arrestato nella flagranza i catanesi: STRANO Johnny cl.90, ZAPPALÀ Santo cl.75, ARCIDIACONO Giovanni cl.72, EGITTO Catia Agata cl.85, EGITTO Santa Concetta cl.72, VALENTI Rosa cl.81, poiché ritenuti responsabili del concorso in furto aggravato.

I malviventi avevano organizzato tutto nei minimi dettagli: giunti a bordo di un furgone e tre autovetture hanno forzato il cancello d’ingresso del deposito della “Sicurella Profumi s.r.l.” di via Montepalma 22, per poi iniziare a rubare la merce contenuta all’interno del capannone.

Una delle auto utilizzate per il furto, appena stipata di merce, si stava allontanando dal sito quando, una pattuglia del radiomobile che stava transitando in zona l’ha fermata per controllo. I militari vedendo la merce che trasportava, dimostrando un’ottima conoscenza del territorio, l’hanno immediatamente collegata al vicino deposito della Sicurella.

Così, tramite la centrale operativa del Comando Provinciale di Piazza Verga, sul posto sono state fatte convergere altre pattuglie del radiomobile, nonché quelle della Tenenza di Misterbianco e della Stazione di Catania Nesima, creando di fatto un dispositivo d’intervento che ha consentito di circondare il capannone e di arrestare gli autori del furto. 

(Fonte: Sala stampa comando provinciale carabinieri di Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×