Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Belpasso avrà il suo bosco in città: il progetto Sciaraviva
«Tutela della biodiversità e sviluppo di ecosistema sano»

La delibera è stata approvata durante la prima seduta del Consiglio comunale presieduta dalla nuova presidente Patrizia Vinci. Una nuova vita per tre ettari di terreno comunale in stato di abbandono. «Rientra tra i nostri obiettivi», dichiara il sindaco Daniele Motta

Marta Silvestre

Da terreno comunale in stato di abbandono a bosco in città. Il primo passo è stato fatto ieri con l'approvazione in Consiglio comunale (il primo dopo le polemiche per l'elezione della presidente Patrizia Vinci) della delibera che prevede la realizzazione del Bosco Sciaraviva. Un progetto proposto da venti associazioni locali per «contribuire alla tutela della biodiversità e favorire lo sviluppo di un ecosistema sano» che è stato accolto dall'amministrazione e dal sindaco Daniele Motta. Tre ettari di superficie di sciara tra Belpasso e la Madonna della Roccia che verranno sottratti alla cementificazione, piantumati e valorizzati. «Rientra tra i nostri obiettivi - dichiara il primo cittadino - nel contesto di una più ampia azione di conservazione e recupero del benessere del territorio,  di gestione sostenibile del verde cittadino per perseguire la tutela ambientale».

Una nuova vita per il terreno di proprietà comunale in contrada Giampasquale, già assoggettato a vincolo paesaggistico ma attualmente in stato di abbandono. Il progetto comprende un sistema complesso che include il Parco delle Torrette con molti sistemi di terrazzamento, in parte ancora perfettamente conservati; la Regia Trazzera; il margine occidentale della colata lavica generata dalla devastante eruzione del 1669; il nascente Sentiero delle Sciare; una Dagala, circondata dalla colata del 1669 e già sottoposta a vincolo boschivo, con all'interno un rigoglioso bosco di querce, una porzione del vecchio Acquedotto Bosco Etneo, terrazzamenti e muretti riconducibili alle pertinenze dell’antica Malpasso

«A completamento del progetto - si legge nel documento presentato delle associazioni - nella porzione inferiore del terreno comunale è prevista la collocazione di un teatro all’aperto liberamente ispirato al celebre Teatro Andromeda sui Monti Sicani, nel territorio di Santo Stefano di Quisquina (in provincia di Agrigento), da realizzarsi a totale impatto zero, nel pieno rispetto di quei criteri di sviluppo sostenibile, confacenti allo spirito di contrasto ai cambiamenti climatici e salvaguardia dell’ambiente». Da parte del Comune è Salvo Pappalardo il consigliere incaricato che ha coordinato i lavori preliminari e seguirà più da vicino le fasi di realizzazione del progetto. Le venti associazioni coinvolte sono: Sciarablog, Arci, Club alpino italiano, L’informazione, Misericordia, Lennon Festival, Vivere Verde, Presidio partecipativo Valle del Simeto, Agesci, Pro Loco, Fondazione Carri di Santa Lucia, Donkey Riders, Impegno civico, Parrocchia santissima Immacolata, Fabula sicula e Bc Sicilia Belpasso

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×