Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

In piazza Università si potrà pattinare sul ghiaccio
Pista sarà aperta dal 16 novembre al 28 dicembre

Duecento metri quadrati di suolo in una delle zone più scenografiche di Catania è concesso dal Comune alla Ice Sicilia con qualche condizione. «Su strutture provvisorie non dobbiamo esprimere parere», dice la nuova soprintendente etnea Rosalba Panvini

Marta Silvestre

Una pista di pattinaggio su ghiaccio in piazza Università, in pieno centro storico a Catania. Con un provvedimento di oggi, 12 novembre, è la direzione Sviluppo delle attività produttive del Comune a concedere 200 metri quadri di suolo pubblico alla società Ice Sicilia srls. Tra le premesse e le avvertenze alla concessione nessun riferimento, però, viene fatto a un parere preliminare o a una autorizzazione della Soprintendenza. «Su questo tipo di strutture non dobbiamo esprimere parere perché sono provvisorie e non fisse», risponde a MeridioNews la nuova soprintendente catanese Rosalba Panvini

Il rettangolo di ghiaccio di una superficie di 12x16 metri - e lo spazio per posizionare il chiller, ovvero una macchina termica che funge da refrigeratore - sarà installato dal 16 novembre al 28 dicembre (dalle 8 di mattina alle 2 di notte) in una delle piazze più scenografiche del centro catanese, di fronte al Palazzo centrale dell'università e tra i quattro candelabri artistici in bronzo che rappresentano quattro antiche leggende catanesi: Gammazita, il paladino Uzeda, i fratelli Pii e Colapesce

Nel documento con cui si concede il suolo pubblico si elencano le varie condizioni cui la concessione, firmata dal responsabile del procedimento Giuseppe Fichera, in favore dell'amministratore unico della società Iakov Grebe, deve sottostare. Dal pagamento del canone per l'occupazione di suolo pubblico al divieto di effettuare installazioni fisse o ancorate al terreno; dall'obbligo di lasciare spazio sufficiente per il transito dei pedoni e delle persone con disabilità al rispetto dei limiti delle emissioni acustiche che non devono arrecare disturbo alla quiete pubblica fino alla cura quotidiana con la pulizia e il decoro dell'impianto e dell'area circostante. 

Nel provvedimento del Comune, inoltre, si richiama la risoluzione del ministero dello Sviluppo economico dell'aprile del 2017 dove viene specificato che la nuova stesura dell'articolo 14 del regolamento del Tulps (Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza) prescrive che tutte le attività di spettacolo sotto le 200 persone, comprese quelle di spettacolo viaggiante, vengano autorizzate sulla base di una domanda corredata dalla relazione di un professionista abilitato, che confermi la «rispondenza del locale o dell'impianto alle regole stabilite». 

«L'utilizzo della pista di pattinaggio sarà a pagamento - afferma l'assessore alle Attività produttive Ludovico Balsamo - anche perché l'ente comunale non ha dato nessuno contributo. Durante gli incontri che si sono svolti alle Attività produttive - aggiunge - abbiamo richiesto che l'impianto fosse accessibile gratuitamente, durante alcune ore della mattina, per permettere di usufruirne anche ai bambini delle scuole o a fasce di popolazione disagiate. C'era stata disponibilità da parte della ditta - conclude - ma non so come è finita perché la pratica poi è stata trattata dall'ufficio del gabinetto del sindaco».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×