Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ingiulla, a Catania lo chef stellato più giovane d'Italia
«Perché le cose belle non succedono solo agli altri»

Alessandro Ingiulla, 26 anni, ha conquistato con Sapio restaurant - nei pressi di piazza Europa - l'ambito riconoscimento della guida Michelin. Unico ristorante del capoluogo etneo a potere vantare la sua stella, a meno di due anni dall'inaugurazione

Rossella Cirrone

La 64esima edizione della guida Michelin 2019 ha premiato oggi a Parma il ristorante Sapio di Catania, guidato dallo chef Alessando Ingiulla, 26enne originario di Santa Maria di Licodia, insignito per la prima volta del riconoscimento nella guida culinaria francese. «Siamo ancora sorpresi, trovarsi accanto ai più grandi chef e maestri è stata per me un’emozione unica», comincia Alessandro parlando con MeridioNews. La voce non nasconde l'entusiasmo della lunga mattinata di strette di mano. Del resto, lui è il più giovane all’interno della guida rossa 2019 così come il suo ristorante, nei pressi di piazza Europa, è nato appena un anno e otto mesi fa. Un'idea di famiglia visto che il progetto porta la firma di Daniele Ingiulla, architetto e fratello di Alessandro, che per il ristorante cura la parte estetica.

La squadra di Sapio è, per Alessandro, l'elemento vincente del locale. E la collaborazione tra la cucina e lo staff - guidato dalla compagna Roberta Cozzettomaître del ristorante - è totale. «Io e Roberta siamo legati da un rapporto speciale, e vivere questo evento insieme per noi è eccezionale». Dopo anni in giro per l’Italia, l’Austria e la Francia, Alessandro e Roberta hanno deciso di fermarsi a Catania e tornare nella loro terra d’origine, nonostante le resistenze dei luoghi comuni. «Abbiamo sempre creduto in Catania, in molti non credevano in quello che stavamo facendo e nella riuscita di un nuovo tipo di ristorazione nella città, ma abbiamo ricevuto il fondamentale appoggio dai nostri colleghi che prima di noi avevano vissuto l’esperienza del ritorno in Sicilia».

Alessandro Ingiulla sfata così il mito del professionista di successo in fuga dall’Italia e in direzione opposta rispetto alla tendenza di chi decide di partire e lasciare la Sicilia, racconta l’importanza del suo ritorno a casa. «Prima eravamo sempre in giro e con la valigia in mano, abbiamo deciso di realizzare i nostri sogni e di farlo a casa nostra. È sempre più bello lavorare a casa propria», sorride. E aggiunge: «Bisogna smettere di credere che le cose belle succedano solo agli altri e, soprattutto, a chi vive fuori dalla Sicilia». D’altronde è qui che Alessandro a soli 12 anni ha iniziato a muovere i suoi primi passi, nella cucina di una trattoria di Nicolosi di proprietà di amici dei suoi genitori; ed è qui che ha maturato la scelta di frequentare la scuola alberghiera e lavorare nella ristorazione.

«Ho sempre lavorato, non ho frequentato alcuna scuola di perfezionamento fatta eccezione per la scuola alberghiera; penso che tutto ciò che può insegnare il lavoro in cucina sia insostituibile». Ed ecco che il giovane chef sfata un altro mito, indicando la via dell’esperienza diretta e del lavoro a contatto con chef appartenenti all’alta ristorazione come chiave del successo. Nonostante il riscontro eccezionale della sua cucina - che propone una soluzione culinaria legata ai prodotti del nostro territorio rivisitati in chiave contemporanea - alla domanda «Chi cucina a casa?» Alessandro risponde: «Ovviamente mia madre. E il fatto che io preferisca la sua cucina è cosa indiscussa».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email