Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Se non si dimetterà, prenderò i miei provvedimenti»
A Misterbianco è bufera sul vicesindaco Santapaola

«Lo hanno arrestato? Ma quando?». Il sindaco Nino Di Guardo apprende da MeridioNews la notizia degli arresti domiciliari per il suo numero 2. «Farà un passo indietro - dichiara - Ma se così non fosse, io non posso fare finta di niente»

Luisa Santangelo

«Lo hanno arrestato? Ma quando?». Il sindaco Nino Di Guardo è incredulo. La notizia dei domiciliari per il suo vicesindaco, Carmelo Santapaola, lo coglie alla sprovvista. Il profilo del suo numero due, finora, era stato abbastanza semplice: oltre duemila voti alle scorse elezioni amministrative, un sostegno granitico nei quartieri di Misterbianco, l'alleanza con mister 32mila preferenze Luca Sammartino, un passato politico che torna indietro di oltre dieci anni. A questo, però, la procura di Catania ha aggiunto oggi un altro tassello: i cugini eccellenti, Carmelo, Giuseppe Gabriele e Vincenzo Placenti, ritenuti dagli investigatori punti di riferimento della famiglia Santapaola-Ercolano. Il politico misterbianchese aveva preferito riattaccare il telefono anziché rispondere alla domanda di MeridioNews sui due uomini arrestati nei giorni scorsi. Adesso le manette si sono strette attorno ai suoi polsi: l'accusa è di intestazione fittizia di beni. L'Orso bianco caffè, sequestrato nei giorni scorsi, sarebbe in realtà suo e dei fratelli Placenti, anziché di suo figlio

Già nei giorni del sequestro l'aria era tesa. «Sinceramente non lo so perché ce l'hanno chiuso. Posso garantire che con la nostra gestione è tutto regolare, forse si riferiscono a fatti del passato...», sosteneva la settimana scorsa il politico. Si vocifera che, dopo l'approfondimento di questa testata proprio su quel chiosco-centro scommesse in via Milano, a Monte Palma, a Carmelo Santapaola sia stata prospettata anche l'ipotesi delle dimissioni. Che però non sono arrivate. «Ritengo che lui sia una persona certamente di buonsenso - dichiara Nino Di Guardo a questa testata - Immagino che sarà lui per primo a fare un passo indietro a strettissimo giro». E se così non fosse? «Mi troverei costretto a prendere provvedimenti in questo senso. Non è possibile che rimanga nella mia giunta una persona agli arresti». Niente garantismo, insomma, per il suo redivivo braccio destro? «Questa è un'altra cosa. Se la magistratura ha elementi tali da metterlo agli arresti, io certamente non posso fare finta di niente».

Nel 2014 Di Guardo sfiduciò platealmente colui che già allora era il numero due al Comune di Misterbianco. Un primo accordo risaliva, infatti, alle Comunali del 2012: Santapaola - all'epoca consigliere eletto nel centrodestra locale, in una lista patrocinata dall'ex deputato Angelo Lombardo - sposa il ritorno in campo di Di Guardo e ne diviene vicesindaco. Due anni dopo, però, mentre in città infuriano le polemiche sulla discarica di Tiritì, il primo cittadino accusa Santapaola, e altri consiglieri nel frattempo transitati con Sammartino, di ostacolare la sua «battaglia» per la chiusura del sito gestito dall'Oikos. Scattano le dimissioni e i due si lanciano fendenti anche a mezzo stampa. Tutto però, tre primavere più tardi, diventa acqua passata.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email