Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Misterbianco, si dimette il vicesindaco Santapaola
Ai domiciliari nel maxi-blitz su mafia e scommesse

Il primo cittadino Nino Di Guardo annuncia di avere ricevuto le dimissioni da parte del suo numero due. Il politico 49enne è finito in manette questa mattina nell'ambito dell'operazione sul presunto giro di illegalità gestito dalla famiglia Santapaola-Ercolano

Redazione

Nino Di Guardo ribadisce il suo stupore anche nel comunicato stampa istituzionale. Il sindaco di Misterbianco aveva detto, questa mattina, di avere appreso da MeridioNews la notizia dell'arresto del suo vicesindaco, Carmelo Santapaola, accusato di intestazione fittizia nell'ambito della maxi-inchiesta su mafia e scommesse. Il locale in questione è stato sequestrato lo scorso 14 novembre. Adesso il numero due del Comune misterbianchese, secondo quanto sostiene il primo cittadino, si è dimesso. «Nei giorni scorsi mi aveva assicurato che era del tutto estraneo all'operazione delle forze dell'ordine - si legge nella nota di Di Guardo - Prendo atto della tempestività delle sue dimissioni e spero che possa dimostrare la sua estraneità nelle sedi opportune».

Secondo i magistrati, Santapaola sarebbe stato in realtà il titolare dell'Orso bianco caffè di via Milano, nel quartiere di Monte Palma. L'attività commerciale, intestata al figlio 25enne, per l'accusa sarebbe stata in realtà appannaggio del politico e dei fratelli Placenti, cugini di primo grado di Carmelo Santapaola e ritenuti un punto di riferimento per la famiglia di Cosa nostra Santapaola-Ercolano. «Questo episodio - continua il sindaco - non intacca minimamente l'attività della mia amministrazione, che è stata e sarà sempre improntata al rispetto della legalità, alla lotta al malaffare e alla mafia». Nei prossimi giorni, Nino Di Guardo provvederà alla sostituzione dell'assessore alle Manutenzioni (delega finora detenuta dal 49enne oggi arrestato) e all'assegnazione del nuovo ruolo di vicesindaco.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×