Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania, con la Reggina snodo da non sbagliare
Obiettivo tre punti, per tenere ritmo delle prime

Rossazzurri in campo questa sera, ore 20:45, ospitando al Massimino i calabresi. Unico assente di rosa Calapai, mentre Andrea Sottil opta conferma il 4-2-3-1: Marotta numero nove, Manneh e Barisi sulle fasce. «Dobbiamo vincerle tutte», tuona il mister

Giorgio Tosto

Foto di: Filippo Galtieri

Foto di: Filippo Galtieri

Arriva un momento in cui non è più possibile sviare dalle proprie responsabilità e doveri. Il Catania, squadra costruita chiaramente con l'obiettivo di riagguantare quella B sfuggita in maniera drammatica nel 2015, è chiamato a ribadire con forza il proprio ruolo di favorita del Girone C di Serie C, già a partire da stasera. Il match contro una Reggina ai margini della zona playout non può essere fallito. Dopo una sola vittoria nelle ultime cinque partite giocate, la squadra etnea deve tornare ad accelerare, con l'obiettivo di non perdere contatto con le tre battistrada del campionato Juve Stabia, Rende e Trapani.

Un concetto ben chiaro nella mente di mister Andrea Sottil e dei calciatori rossazzurri, ribadito a chiare lettere in conferenza stampa dall'allenatore del Catania: «Torneremo a marciare forte - ha detto con estrema chiarezza il tecnico - per tornare ad essere protagonisti. Dobbiamo raccogliere 24 punti nelle ultime otto partite dell'anno». Parole che inchiodano tutto l'ambiente alla propria missione: fare un campionato di vertice, stazionando sempre nelle primissime posizioni per poi piazzare l'allungo nel momento decisivo del campionato. Ci sarà dunque un solo risultato a disposizione, contro una Reggina che arriva in Sicilia sulla scia dell'importantissimo successo ottenuto contro la Paganese: un 1-0 che ha permesso agli uomini guidati da Roberto Cevoli di salire al 15° posto in classifica a quota 11 punti, con ancora tre match da recuperare.

L'allenatore degli amaranto, nel pre partita, ha fatto presente come la sfida al Catania sia molto difficile, data la caratura dell'avversario e la presenza di calciatori come Marco Biagianti, Francesco Lodi e Giuseppe Rizzo. Una squadra costruita e pensata per la B: «Gara delicata, ma siamo comunque fiduciosi di poter dire la nostra». Cevoli schiererà i suoi con un 4-3-3 in cui il tridente d'attacco sarà probabilmente composto da calciatori agili e mobili come Tiziano Tulissi e Salvatore Sandomenico accanto alla torre Edoardo Tassi, vent'anni scuola Ascoli. In mezzo al campo spicca la presenza del catanese Roberto Marino, classe 1998, e di Urban Zibert che, proprio al Massimino, aveva punito il Catania con la maglia dell'Akragas.

Lontano dallo stadio Granillo la Reggina (che fra l'altro ha giocato tre gare casalinghe in campo neutro, ndr) ha ottenuto solo un punto in tre partite, subendo sette reti e mettendone a segno sei. Il Catania dovrà dunque profittare delle difficoltà evidenziate dai calabresi, partendo da quelle che sono le certezze a livello tattico. Verrà dunque riproposto il 4-2-3-1, col classico ballottaggio tra Joel Baraye e Luigi Scaglia in difesa a sinistra e la riproposizione di Khalifa Manneh dal primo minuto come esterno mancino d'attacco, accanto a Lodi, Maks Barisic e l'intoccabile Alessandro Marotta. La sensazione, chiara, è che i bonus a disposizione dei rossazzurri siano ormai finiti. Occorre innestare la quinta e spingere l'acceleratore al massimo, per concludere in maniera dolce un 2018 assai travagliato.

Probabili formazioni:

Catania (4-2-3-1): Pisseri; Ciancio, Aya, Silvestri, Baraye (Scaglia); G. Rizzo, Biagianti; Barisic, Lodi, Manneh; Marotta. Allenatore: Sottil

Reggina (4-3-3): Confente; Kirwan, Conson, Solini, Mastrippolito; Marino, Franchini, Zibert; Ungaro, Tassi, Sandomenico. Allenatore: Cevoli

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email