Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania-Reggina 1-0: ci vuole un gol nel finale
Marotta approfitta di uno svarione del portiere

Squadra lenta, imprecisa in attacco e con poche idee. I rossazzurri si salvano in extremis grazie a un errore di Confente su calcio d'angolo di Llama: ne approfitta l'attaccante, dopo aver sbagliato tanto in partita. Serve di più per la vetta

Giorgio Tosto

Foto di: Giorgio Tosto

Foto di: Giorgio Tosto

Non fosse stato per il clamoroso errore del portiere calabrese Confenti, a questo punto, parleremmo di una fallita ripartenza da parte del Catania. Dopo un buon primo tempo e una ripresa imprecisa, senza praticamente concludere in porta, lo svarione dell'estremo difensore amaranto regala ai rossazzurri tre punti insperati vista la mancanza di qualità espressa dalla squadra di Sottil. A preoccupare sono, ancora una volta, le grandi difficoltà palesate dalla manovra offensiva: serve di più per poter insidiare Juve Stabia, Rende e Trapani in vetta. 

Mezz'ora prima dell'inizio della sfida il Massimino è ancora semivuoto, ma campeggia già una scritta in Curva Nord che lascia intendere senza dubbi quale sia la posizione del tifo organizzato: «Non c'è più tempo né scuse, pretendiamo la B, sia chiaro per tutti». Un macigno non indifferente che Sottil cerca di rendere meno pesante schierando il suo classico 4-2-3-1: previsioni della vigilia rispettate, con Scaglia che in difesa vince il ballottaggio a sinistra con Baraye e Vassallo schierato sulla fascia mancina in attacco al posto di Khalifa Manneh. Il Catania comincia con l'acceleratore premuto: al 3' Lodi ispira Barisic: il tiro d'esterno dello Sloveno però è sballato e il numero 7 cestina una buona occasione. L'inizio è gagliardo e i ritmi sono alti: la Reggina fa molta attenzione e, in fase di non possesso, i suoi esterni d'attacco Tulissi e Sandomenico danno manforte al centrocampo.

Al 14' altra potenziale buona occasione, con Marotta che per poco non profitta di un disimpegno errato da parte di Confente. Il Catania prova tutte le possibili carte per aggirare la diga amaranto, dai lanci lunghi orchestrati da Silvestri al fraseggio rapido e veloce: purtroppo non c'è nulla da fare, nemmeno quando al 19' Scaglia conclude al volo su assist di Lodi da angolo, trovando una grande risposta di Confente. Il pressing rossazzurro è costante, ma manca sempre l'ultimo passaggio, l'intuizione risolutiva. Il forcing nel finale di tempo porta un cross radente molto pericoloso di Barisic, su cui Marotta per poco non si avventa. In pieno recupero, poi, il numero 9 si divora un gol già fatto: cross al bacio di Scaglia, Marotta interviene di piede e non riesce a deviare il pallone in rete a porta praticamente sguarnita. 

La ripresa comincia col pressing del Catania e un tiro murato di Vassallo. Al 56' ci prova Lodi su calcio da fermo, con la palla che coglie l'esterno della rete. Sottil intuisce che qualcosa nella manovra offensiva non va, con la squadra che non riesce praticamente mai ad arrivare al tiro. Allo scoccare dell'ora di gioco, quindi, dentro l'artiglieria pesante: dentro Llama e Curiale e rossazzurri in campo con un 4-2-4 super offensivo. Il pubblico prova ad incoraggiare i giocatori per il forcing finale, ma nulla cambia: al 28' Curiale imbecca Barisic che entra in area da sinistra e conclude di poco a lato. Inizia a serpeggiare malumore tra il pubblico e la Reggina, in contropiede, sfiora addirittura il vantaggio al 32' con una botta di Emmausso fuori di poco.

Gli attacchi nel finale si fanno confusi: al 39' Llama prova un tiro fuori, mentre tre minuti dopo arriva l'azione che sblocca la partita. Ancora Llama tira in porta da angolo, a Confente sfugge clamorosamente la palla dalle mani e Marotta, da un centimetro, si avventa su una palla che stavolta non può sbagliare. Il Massimino ritrova improvvisamente voce e coraggio, scortando la squadra negli istanti finali. Il triplice fischio di Camplone di Pescara è una liberazione: il Catania trova tre punti volando al quarto posto in classifica a quota 21, con la Juve Stabia che resta lontana otto punti e una partita in più. La strada da fare è ancora lunghissima: martedì pomeriggio, a Matera, ci vorrà tutt'altro tipo di prestazione,

Il tabellino:

Catania-Reggina 1-0

Marcatori: 87' Marotta

Catania (4-2-3-1): 12 Pisseri; 23 Ciancio, 4 Aya, 5 Silvestri, 8 Scaglia (33' st Baraye); 18 Rizzo, 27 Biagianti (61' Curiale); 7 Barisic (29' st Manneh), 10 Lodi, 20 Vassallo (61' Llama); 9 Marotta. Allenatore: Andrea Sottil

Reggina (4-3-3): 22 Confente; 26 Kirwan, 2 Conson, 21 Solini, 25 Mastrippolito (46' Zivkov); 8 Zibert, 16 Petermann (62' Franchini), 14 Marino (39' st Navas); 10 Tulissi, 19 Tassi (62' Emmausso), 11 Sandomenico (29' st Redolfi). Allenatore: Roberto Cevoli

Ammonito: Petermann, Silvestri, Emmausso

Arbitro: Camplone (Sezione di Pescara)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email