Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, rigettata richiesta di 48 ex doposcuolisti
La battaglia giudiziaria va avanti da un decennio

Gli ex precari della pubblica amministrazione si sono rivolti alla magistratura per chiedere l'assunzione al Comune. Si tratta dell'ultimo capitolo di una storia che, tra alterne vicende, si trascina dal 2007

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Si torna a parlare di doposcuolisti a Paternò, gli ex precari della pubblica amministrazione, una cinquantina di unità, che provano a essere assunti dal Comune paternese. Un tentativo, per il momento, non andato in porto, per via del pronunciamento negativo, in primo grado, del tribunale del Lavoro di Catania. Nel dettaglio, a rivolgersi alla magistratura sono stati 48 ex doposcuolisti, allo stato attuale sul libro paga dell’ex provincia di Catania, ma di fatto in servizio presso il Comune di Paternò. Queste persone nel 2013 avevano presentato istanza al tribunale del Lavoro per essere assunti a tempo indeterminato; in subordine, nell’ipotesi che non fosse stato possibile, erano disposti a lavorare anche presso la ex provincia regionale etnea. La giudice Sonia Di Gesù, che ha rigettato la richiesta, entro 60 giorni depositerà le sue motivazioni.

Per fare chiarezza sulla vicenda bisogna tornare alla fine degli anni Settanta, quando la Regione Siciliana creò una figura professionale alquanto ambigua, quella dei doposcuolisti: a Paternò diverse decine di giovani di quel tempo, per tre anni prestarono la loro attività per conto del Comune, ma poi la figura professionale venne cancellata e si creò, di fatto, un esercito di precari. Nel 2002 una legge imposte la stabilizzazione dei precari nel pubblico impiego e così, dal 2007, una ventina di loro decise di andare a lavorare per il Comune, mentre altri 61 preferirono rimanere al servizio dell'allora provincia di Catania. I 20 del Comune chiesero all'amministrazione gli stipendi in arretrato dal 2002, cioè dall'entrata in vigore della legge: una battaglia giuridica costata al municipio diversi milioni di euro.

Delle 61 persone rimaste sul libro paga della ex provincia, dieci si staccarono e decisero di rivolgersi alla giustizia per andare a prestare servizio, anche loro, al Comune di Paternò. Nel 2012, il tribunale del Lavoro diede loro ragione e obbligò l'amministrazione ad assumere queste unità di personale e a pagare loro cinque anni di stipendi in arretrato. Delle 51 unità di personale mantenute dalla provincia, ne sono rimaste solo 48: manca chi è andato a lavorare a Santa Maria di Licodia e chi, invece, nel frattempo è deceduto. Questi 48 ex doposcuolisti decidono, nel 2013, di seguire la strada imboccata in precedenza e con successo dai loro colleghi. Ma stavolta il giudice del Lavoro ha scelto di dare loro torto.

«Alla base di questa decisione potrebbe esserci un vizio procedurale - dichiara Angelo Corsaro della Cisl - Ma lo vedremo con certezza tra due mesi. Se fosse confermata questa ipotesi, potremo procedere di nuovo, intentando una nuova causa e senza dovere ricorrere in Appello. Dal 2013, quando fu presentata l'istanza di queste 48 persone, molte sono andate in pensione. Adesso la vicenda riguarda circa una trentina di lavoratori». «Intanto è stato posto un freno a una vicenda che, in passato, ha creato diversi problemi al Comune», dichiara l'assessora comunale al contenzioso Nancy Leotta.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×