Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Passi carrai e parcheggi creativi a Catania
Tra furbetti del fai da te e vendicatori solitari

Sedie, piante e persino uno scaldabagno. Sono gli oggetti utilizzati da diversi catanesi per tenere sempre libero il posto auto davanti a casa o al garage. Eppure, per averne diritto, ci sarebbe tutta una trafila da rispettare e una tassa annua da pagare. Non più onerose delle eventuali multe inflitte sia a chi inventa un accesso che a chi vi posteggia davanti. Categoria, quest'ultima, che più dei vigili ha da temere un concittadino: «Lascio sulle auto dei bigliettini del tipo: “Ho già fatto rimuovere quattro macchine. La sua potrebbe essere la prossima”»

«Pensavo di dipingere sulla saracinesca del garage una tacca per ogni auto che ho fatto rimuovere, come fanno i serial killer con le loro vittime. Ma poi mia moglie mi ha fatto notare che era poco educato». Roberto Chibbaro, 36 anni, di mestiere fa l'imprenditore. Ma per hobby è ormai il vendicatore solitario delle vittime «degli incivili a quattro ruote», come definisce lui stesso la sua missione. Armato di cellulare, non c'è macchina in sosta davanti a un passo carrabile o nei posti riservati ai motorini che gli sfugga. Lui chiama i vigili e fa rimuovere il mezzo. Una lotta iniziata a Catania nel 2007 ed esportata a Ragusa, dove adesso si è trasferito. Ma nel capoluogo etneo c'è anche chi se ne approfitta e che - senza averne diritto - si assicura l'esclusività del posto davanti a casa con mezzi di fortuna: sedie, piante, transenne vere e artigianali, secchi di vernice e fantasiose installazioni. A San Cristoforo, persino uno scaldabagno, come documentano le foto di CTzen di passi carrabili e posti auto riservati made in Catania.

http://www.flickr.com//photos/ctzen_catania/sets/72157629100723008/show/

Altra cosa sono i passi carrabili autorizzati. Qui l'unico oggetto che serve è l'apposito cartello rilasciato dall'ufficio suolo pubblico del Comune etneo, con su indicati i dati essenziali, come il nome dell’ente che lo ha rilasciato, il numero dell’autorizzazione e l’anno di rilascio. La richiesta di concessione va inoltrata all'ufficio per un passo carrabile già esistente – e non ancora in regola – oppure per aprire un nuovo varco. Nel primo caso - tra documenti, tasse e ritiro del cartello – la spesa si aggira intorno ai 160 euro. Nel secondo invece, considerata la necessità di effettuare dei lavori sulla strada, la spesa cresce di altri 180 euro circa. Ogni anno, inoltre, è necessario pagare la Tosap, un'apposita tassa calcolata in base all'ampiezza del passo carrabile e variabile secondo le zone della città. Cifre forse eccessive per gli amanti dei parcheggi fai da te, che però ignorano il codice della strada e le contravvenzioni previste.  Se la trasformazione di un accesso in "passo carrabile autogestito" costa un verbale da 159 a 639 euro, ancora peggio va a chi pensa di poter conservare il posto sotto casa con travi di legno da spostare all'occorrenza. In quel caso, per l'occupazione di suolo pubblico, la multa parte da 84 euro: a cui però va aggiunta una cifra calcolata dall'ufficio tributi della ragioneria comunale in base al metraggio – rilevato e comunicato dai vigili – moltiplicata per un anno. Ma, a giudicare dalle foto, l'ipotesi di una multa non è un deterrente sufficiente.

D'altra parte, anche chi parcheggia davanti a un passo carrabile non segnalato dal cartello ufficiale rischia di passare un guaio. «In presenza di una scivola o di un portone noi eleviamo comunque il verbale – spiegano dalla segreteria del comando della polizia municipale – Solo dopo controlliamo se il proprietario dell'accesso è in regola con le autorizzazioni oppure no. In ogni caso, è nostro dovere consentirgli la libera uscita». Anche perché, negli ultimi anni, non sono stati rari i casi di cittadini che, seppur in regola con i pagamenti per l'occupazione di suolo pubblico, non si erano mai visti recapitare il cartello ufficiale. La rimozione dei veicoli, invece, è una pena accessoria: dipende dal numero di carroattrezzi liberi di cui i vigili dispongono in quel momento. Di solito, molto pochi.

Il libero accesso è un diritto per tutti, insomma. E' d'accordo il vendicatore Roberto Chibbaro, che racconta: «Una volta un signore, in sosta davanti al mio garage, pur di non spostarsi mi ha anche chiesto “Ma lei la paga la Tosap?”. “E lei per caso lavora per il Comune?”, ho risposto. Non capisco se abbiano bisogno dei razzi segnalatori di passi carrabili». Ma Chibbaro non è sempre così clemente. «Una volta lasciavo sui parabrezza delle auto posteggiate male dei bigliettini davvero minatori, per la serie: “Dall'inizio dell'anno ho già fatto rimuovere quattro macchine. La sua potrebbe essere la prossima”». Il terrorismo psicologico come alternativa alle cassette della frutta. Adesso, però, anche lui si è un po' ammorbidito e lascia solo gentili ma ferme richieste di non vedere mai più quell'auto davanti al proprio garage. «Una volta un signore mi ha chiesto se fossi io quello dei bigliettini – racconta – Ero pronto alla rissa, quando lui mi ha spiazzato, dicendomi: “Fa bene, così insegna l'educazione anche a mio figlio. Anzi, la prossima volta, gliela faccia rimuovere”. Sono soddisfazioni». Un tale effetto a catena che, appena Chibbaro estrae il suo cellulare, in strada è un fuggi fuggi. Tutti a spostare le macchine perché, quando i vigili arrivano, non risparmiano nessuno. «Quando arrivano, però», conclude.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews