Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, sette condannati per processo appalti Lidl
Pene fino a 16 anni, assolto l'ex dirigente Suriano

L'indagine, condotta dalle procure di Milano e Catania, aveva fatto emergere i presunti interessi del clan Laudani nei lavori eseguiti all'interno dei supermercati tedeschi, la cui proprietà è però estranea alla vicenda. Ora arriva la sentenza di primo grado

Redazione

Sono stati condannati a pene fino a 16 anni e 4 mesi di carcere (la pena massima per Luigi Alecci, uno dei presunti vertici dell'associazione) 7 degli 8 imputati nel processo a Milano con al centro un filone della Dda su presunte infiltrazioni della cosca catanese dei Laudani negli appalti della Lidl in Italia e della Securpolice, il consorzio di società, ora commissariato, che era responsabile della vigilanza anche per il Palazzo di giustizia milanese. La settima sezione penale, presieduta da Carla Galli, ha superato le richieste di condanna del pm Paolo Storari, che arrivavano fino ai 15 anni e 8 mesi di carcere. Assolto per non avere commesso il fatto Simone Suriano, ex dipendente della catena di supermercati tedesca. I giudici hanno stabilito una provvisionale di 40 mila euro per il Comune di Milano, che si era costituito parte civile. Le accuse, a vario titolo, sono associazione per delinquere con l'aggravante mafiosa, emissione di fatture inesistenti, reati fiscali, corruzione e traffico di influenze anche a scopo di favorire la cosca.

In particolare, il Tribunale di Milano ha condannato a 16 anni e 4 mesi di carcere l'imprenditore Luigi Alecci, considerato uno dei "promotori" dell'organizzazione criminale, insieme a Emanuele Micelotta e Giacomo Politi, condannati entrambi a 7 anni di reclusione. I giudici hanno poi inflitto, rispettivamente, 8 anni e 6 mesi di carcere e 5 anni e 6 mesi, ai fratelli Alessandro e Nicola Fazio, gli ex titolari della Securpolice, gruppo specializzato in sicurezza che si occupava di vigilanza anche per il Palazzo di Giustizia del capoluogo lombardo. La pena di 4 anni e 6 mesi di carcere è stata inflitta ad Alfonso Parlagreco, e di 8 anni e 6 mesi a Salvatore Di Mauro, ritenuto esponente della famiglia mafiosa. I giudici hanno poi disposto la confisca di beni soldi, conti correnti, immobili e altri beni e mantenuto il sequestro di altri beni disposto in fase di indagine. Nella sua requisitoria, il pm della Dda Storari aveva messo in luce i concetti di "borghesia mafiosa" e di "capitale sociale della criminalità organizzata". Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro 90 giorni.

(Fonte: Ansa)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email