Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Non si può più scrivere che c'è il monopolio sull'Etna»
Intercettazione di Russo Morosoli sul giornalista Vasta

L'imprenditore finito ai domiciliari aveva un'idea diversa rispetto al padre sull'accesso alle aree sommitali. Secondo lui, come emerge dall'inchiesta, la rottura del monopolio si sarebbe tradotta in meno attenzione mediatica sulle sue attività

Redazione

«Non c'è più il monopolio sull'Etna, Vasta non sta scrivendo più e non può più scrivere che c'è il monopolio sull'Etna, c'è un gestore che gestisce le escursioni al Nord e un gestore che gestisce le escursioni al Sud, problema del monopolio risolto, non c'ho più l'Antitrust che mi rompe e non mi può rompere i coglioni, dico, io sono a posto». Nelle intercettazioni dell'inchiesta che ha travolto il gruppo imprenditoriale Russo Morosoli c'è anche il nome di un nostro giornalista. Francesco Vasta viene citato da Francesco Russo Morosoli, adesso agli arresti domiciliari con accuse che vanno dalla turbativa d'asta all'estorsione, a proposito del tema che più gli sta a cuore: i trasporti turistici a Etna nord e gli impianti di risalita a Etna sud. Un mosaico di attività che per anni ha fatto capo alle due società Funivia dell’Etna spa e Star srl, diretta emanazione della famiglia Russo. I cui interessi sulla vetta del vulcano sono finiti sia sotto la lente d'ingrandimento dell'autorità garante della concorrenza sia al centro di una lunga serie di articoli che, negli anni, MeridioNews ha riservato all'argomento.

«Contrariamente a quanto pensava papà, che se perdevamo il monopolio la funivia non avrebbe fatto più utili o tutte queste, queste belle cose... - dice Russo Morosoli, mentre le sue conversazioni venivano registrate dagli investigatori - io avevo una visione diversa... Allora il discorso è che mi hanno risolto duecentomila problemi». Tra i guai citati dall'imprenditore, titolare anche dell'emittente televisiva locale UltimaTv, c'è anche il cronista Vasta, che dell'Etna si è sempre occupato sulle pagine di questo quotidiano. L'inchiesta della magistratura, infatti, tocca una lunga serie di vicende che MeridioNews ha raccontato negli anni: dai pareri dell'Antitrust al project financing per un sistema di mobilità integrato Etna-Alcantara, passando per la revoca del bando autorizzatorio avvenuta a luglio 2017, arrivata dopo un tira e molla politico durato anni e inframmezzato da concessioni stagionali

A luglio 2018, data a cui risale l'intercettazione di Russo Morosoli, il riferimento dell'imprenditore ed editore è al fatto che su Etna nord, da febbraio di quest'anno, l'operatore che si occupa delle gite in fuoristrada in cima al vulcano, con partenza da Piano Provenzana, è l'associazione temporanea di imprese Etna mobility, unica a partecipare alla gara dei Comuni di Linguaglossa e Castiglione di Sicilia, proprietari della pista sterrata utilizzata da sempre per le escursioni. L'ati si era aggiudicata il bando per la stagione che finisce oggi con un'offerta del valore di 86mila 600 euro, per svolgere un servizio che, storicamente, era stato appannaggio della Star. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email