Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Palazzi in costruzione, zero sicurezza in cantiere

Redazione

Nella giornata di ieri, personale del Commissariato Borgo-Ognina, durante un servizio di controllo del territorio, ha notato in pieno centro catanese un grosso cantiere edile, con diversi ponteggi che si prestavano uno per la costruzione di un palazzo di sei piani e l’altro per la ristrutturazione di uno stabile adiacente.

A seguito di mirata attività di osservazione, i poliziotti hanno avuto modo di notare che i muratori erano totalmente sprovvisti dei sistemi di protezione quali casco, mascherine, cinture, e parapetti; cosa grave è che gli operai lavoravano in dette condizioni sin anche negli ultimi piani e ciò con evidente rischio di caduta dall’alto mettendo in tal modo a repentaglio la vita propria e delle persone in transito.

Ciò posto, i poliziotti sono intervenuti immediatamente, accertando così la presenza di dieci persone intente a lavorare. Alla vista degli agenti, alcuni operai hanno provato a darsi alla fuga e, ancor prima, hanno tentato di chiudere con una catena il cancello d’ingresso in modo da ostacolare l’ingresso dei poliziotti. Solo dopo, detti operai si sono messi a disposizione spiegando che il loro timore era legato al fatto di non essere in regola con i contratti di lavoro.

Sul posto è stato accertato che in detti cantieri i lavori erano stati affidati a due imprese edili gestite da tre datori di lavoro e, nell’occorso, sono stati identificati anche sette operai. A seguito di immediata attività investigativa, consistente anche in acquisizione di dichiarazioni testimoniali, sono emerse evidenti responsabilità penali a carico dei citati datori di lavoro che, tra l’altro, non hanno fornito i sistemi di protezione agli operai costringendoli a lavorare in simili condizioni.

Per tali motivi, detti titolari d’impresa sono stati indagati in stato di libertà per i previsti reati in materia di sicurezza e salubrità sui luoghi di lavoro, inoltre, è stato anche necessario sospendere immediatamente il cantiere edile e richiedere l’intervento del personale Asp Spresal, competente in materia. Gli operai hanno riferito di accettare simili condizioni lavorative solo per lo stato di bisogno in cui versano e, ancora, è emerso che la maggior parte dei dipendenti non aveva regolare contratto di lavoro e taluni sconoscevano l’importo della paga perché ancora “in prova” affermando di non sapere se l’avrebbero mai percepita.

Per questo motivo, due datori di lavoro sono stati segnalati all’Autorità giudiziaria anche per il reato di sfruttamento dello stato di bisogno del lavoratore. Ulteriore fatto di rilievo è che durante le operazioni di polizia, un muratore, di fronte all’evidenza, ha ammesso di avere dichiarato all’Inps di essere disoccupato e di percepire l’indennità REI. Per tali ragioni, l’uomo è stato indagato in stato di libertà ai sensi dell’art. 640 bis codice penale che punisce la truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Attese le importanti criticità riscontrate, sono stati informati anche gli Enti competenti quali Guardia di Finanza, Ufficio dell’Entrate e Ispettorato del lavoro.

(Fonte: Ufficio stampa questura di Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email