Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, protesta lavoratori di Lombardia contact
«Col nuovo contratto, peggiori condizioni salariali»

L'azienda, parte del gruppo Gpi, si occupa della gestione dei servizi sanitari per la Regione Lombardia e dà lavoro a oltre mille persone in sette Comuni della provincia di Catania. Da ieri, di fronte alla sede di via Vittorio Emanuele, c'è chi protesta

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Oltre mille impiegati tra Paternò, Belpasso, Biancavilla, Santa Maria di Licodia, Adrano, Ragalna e Motta Sant'Anastasia. Sono questi i numeri della Lombardia contact srl, azienda del gruppo Gpi, call center che si occupa della gestione dei servizi sanitari per la Regione Lombardia. L'azienda ha sede in via Vittorio Emanuele, a Paternò, e da ieri deve fare i conti con lo sciopero - proclamato dal sindacato Snalv - di una sessantina di dipendenti. Alla base della protesta dei lavoratori (alla quale hanno aderito anche gli iscritti alla Cisl) c'è il cambiamento del contratto adottato dalla proprietà dell'azienda, che da terziario è passato a multiservizi. In particolare, il sindacato autonomo ha evidenziato che col nuovo contratto sarebbero peggiorate le condizioni salariali dei lavoratori a tempo indeterminato.

«È stato sottoscritto un accordo con alcune organizzazioni sindacali, ma non con tutte - dice a MeridioNews Antonino Santonocito, segretario regionale dello Snalv - Riteniamo il cambio di contratto penalizzante per i lavoratori. Abbiamo chiesto dei chiarimenti, ma non ci è stata data alcuna informazione». Secondo il sindacalista, si stimano in circa 268 gli euro in meno, ogni mese, nella busta paga dei lavoratori a tempo indeterminato, a cui si sommeranno il blocco degli avanzamenti di carriera, quelli pensionistici e gli scatti di anzianità. «Il tutto è stato fatto senza concertazione con chi rappresenta i lavoratori», conclude Santonocito.

Di tutt'altro avviso è invece Davide Foti, segretario generale della Filcams Cgil di Catania, sigla sindacale che assieme a Uil, Ugl e Cse ha sottoscritto l'intesa con la proprietà. «L'accordo raggiunto è il risultato di due mesi di dialogo con l'azienda, al fine di trovare la giusta soluzione con i lavoratori - dichiara Foti - In primis, gli assunti a tempo indeterminato col contratto multiservizi non subiranno variazioni. Le 183 unità a tempo determinato, invece, saranno assunte a tempo indeterminato. Avranno, però, una piccola decurtazione nello stipendio».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email