Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

A Riccardo Orioles il premio Nesi 2012
Formatore di coscienze e di giornalisti

Riprendiamo da Liberainformazione, il giornale dell'associazione Libera, l'annuncio della vittoria del premio in memoria di Don Alfredo Nesi assegnato al giornalista siciliano. Il suo impegno nella formazione di giovani cronisti, questa la motivazione che ha spinto la fondazione livornese alla nomina

Redazione

«C'è un ragazzo bravo, uno serio. Uno con la faccia perbene, ho segnato qui il suo numero. E' calabrese, viene da un piccolo paese ma studia a Roma. Ha deciso di fare un po' di cose in estate in Calabria. Magari mettiamo su un ciclostilato, un dibattito. Una cosa così, insomma, una cosa antimafia. Segnati il suo numero, così vi mettete in contatto con lui. Si chiama Paolo». Riccardo Orioles, molto più e molto meglio di un giornalista, ti coinvolge così, con semplicità, rigore e serietà, nella sua formazione al giornalismo e all'antimafia rivolta  ai ragazzi e alle ragazze che ha incontrato in questi anni, da quel suo ingresso al “Giornale del Sud” sotto la direzione di Pippo Fava, giornalista catanese ucciso dalla mafia nel 1984. Quarant'anni di antimafia sociale racchiusi in alcuni fogli A4, rigorosamente piegati in orizzontale, con numeri, indirizzi mail, indicazioni, scritte fitte fitte. Lui che ha scelto come redazione la strada e come “colleghi” i giovani di oltre due generazioni “perchè - com'è solito dire -  loro sono seri, quando li cerchi ci sono”. Il giornalista antimafia è vincitore del Premio Nesi 2012, il riconoscimento istituito dalla Fondazione Nesi di Livorno volto a valorizzare persone ed associazioni che si sono distinte per il loro impegno socio-educativo in ambito civile e sociale.

Al giornalista siciliano, noto per la sua più che trentennale opera di denuncia del fenomeno politico-mafioso, il premio è stato assegnato «in virtù – dichiara Rocco Pompeo, presidente della Fondazione Nesi – del suo lungo e generoso lavoro di formazione, oltre che delle coscienze dei suoi lettori, anche dei tanti giornalisti che negli ultimi venticinque anni sono cresciuti professionalmente grazie alla sua gratuita e incondizionata dedizione».

Chi è Riccardo Orioles. Riccardo Orioles, nato a Milazzo (Me) nel 1949, ha mosso i primi passi nella professione sotto la guida di Giuseppe Fava, il giornalista assassinato dalla mafia a Catania nel 1984. Cronista di nera e giudiziaria al “Giornale del Sud”, nei primi anni Ottanta, sempre con Fava, affina le sue doti di giornalista d’inchiesta nel mensile “I Siciliani”. Dopo la morte del direttore, nonostante le numerose minacce di morte, assieme ai colleghi rilancia il suo impegno nella denuncia dei rapporti tra politica, impresa, massoneria e mafia. Dalla metà degli anni Ottanta, ha associato al suo lavoro di giornalista, che lo ha portato nel ’94 a fondare il settimanale “Avvenimenti”, ad un costante lavoro di formazione di nuove generazioni di giornalisti dando vita a veri e propri laboratori giornalistici come  “I Siciliani Giovani” negli anni Ottanta, “La Catena di San Libero”“Casablanca” e “U Cuntu” nei decenni successivi, e ultimamente curando un nuovo ciclo editoriale de “I Siciliani giovani”.

Il Premio. Nella sua prima edizione, quella dello scorso anno, è stato assegnato a Suor Carolina Iavazzo, tenace educatrice a fianco di don Pino Puglisi nella Palermo delle stragi. E' istituito dalla Fondazione Nesi in memoria di Alfredo Nesi, il sacerdote toscano morto nel 2003 che ha dedicato la sua vita alla cura e alla formazione dei giovani, fondando nel 1962 il Villaggio scolastico di Corea nell’omonimo quartiere popolare di Livorno e, dal 1982, fornendo assistenza educativa e sanitaria nella periferia di Fortaleza in Brasile.

Quando. La consegna del Premio Nesi 2012, con un assegno di 3000 euro, avverrà a Livorno in una data da definire nella prossima primavera.

Articolo tratto da Liberainformazione

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×