Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Cosa nostra, si pente il killer Francesco Squillaci
L'assassino di Lizzio parla anche di Mario Ciancio

Detto Martiddina, sta scontando la condanna per l'omicidio dell'ispettore della squadra mobile di Catania, avvenuto il 27 luglio 1992. Da aprile ha scelto di parlare con i magistrati e ha messo sul tavolo un nome eccellente: quello di Mario Ciancio Sanfilippo

Dario De Luca

«Una collaborazione molto importante perché si tratta di un personaggio che ha percorso un pezzo di storia di Cosa nostra a Catania». Sono le parole che pronuncia in aula il magistrato Antonino Fanara per annunciare ad avvocati e giudici un nuovo pentimento tra le file della famiglia mafiosa Santapaola-Ercolano. Si tratta di Francesco Squillaci, meglio noto per il suo appellativo di Martiddina e per una condanna all'ergastolo, che sta scontando nel carcere di Milano Opera, per l'omicidio di Gianni Lizzio. Capo della squadra antiestorsione della questura etnea, ammazzato il 27 luglio 1992 in via Leucatia

Dalla fine di aprile l'ex killer, inserito nel gruppo del capomafia Giuseppe Pulvirenti, ha deciso di parlare con i magistrati e lo ha fatto anche mettendo sul tavolo un nome eccellente: quello di Mario Ciancio Sanfilippo. La notizia del pentimento arriva proprio nel cuore della prima udienza del processo di secondo grado per la confisca del patrimonio dell'editore monopolista ed ex direttore del quotidiano La Sicilia. Finito nelle disponibilità dello Stato dopo il provvedimento del tribunale Misure di prevenzione di due mesi fa. Ciancio è anche sotto processo per concorso esterno in associazione mafiosa. Accusato dai magistrati di avere creato la sua ascesa a braccetto con boss, politici e imprenditori collusi. Sui verbali di Squillaci i legali di Ciancio, Carmelo Peluso e Francesco Colotti, si sono riservati chiedendo alla corte, presieduta da Dorotea Quartararo, di potere leggere i documenti.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email