Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, i vandali prendono di nuovo di mira l'Apas
Distrutto materiale necessario al banco alimentare

Qualcuno ha nuovamente preso di mira il camioncino dell'associazione di protezione civile paternese. Stavolta sono stati fatti a pezzi i contenitori termici usati per la distribuzione dei pasti alle famiglie bisognose sul territorio. Guarda le foto

Salvatore Caruso

Foto di: Apas Paternò

Foto di: Apas Paternò

Ancora vandali in azione a Paternò e ancora una volta ad essere presa di mira la sede dell’Apas Paternò, l’associazione di protezione civile di via Giovanni Verga, nel complesso di edifici che ospitano l’istituto comprensivo G. Marconi. I vandali di turno sono entrati in azione proprio nei giorni in cui sono in corso i festeggiamenti della Santa Patrona Barbara. I malviventi hanno danneggiato un autocarro in dotazione alla protezione civile, in sosta nel piazzale interno dell’edificio. Non si esclude che gli autori dell’atto vandalico possano essere anche dei giovanissimi paternesi: sono stati fatti a pezzi i contenitori temici utilizzati per il banco alimentare che si trovavano all'interno del mezzo. A fare la scoperta sono stati il presidente Salvo Pappalardo e i volontari all’apertura della sede, i danni sono ancora da quantificare. «È l’ennesimo atto di inciviltà contro la nostra associazione – dichiara a MeridioNews un amareggiato Salvo Pappalardo - Non è tanto il danno materiale ma piuttosto la cattiveria mostrata nel distruggere i contenitori e il mancato rispetto per le cose altrui. Un atto di violenza gratuito e senza giustificazione. È il secondo che subiamo nel giro di un mese». 

Circa un mese fa, nel periodo delle festività di Ognissanti, ignoti sono entrati nella sede, hanno tagliato il telone dell'autocarro e danneggiato i contenitori termici. «Abbiamo presentato regolare denuncia alle forze dell’ordine. Per proteggerci abbiamo acquistato delle telecamere per attivare il sistema di video-sorveglianza». Non è la prima volta che l’associazione di protezione civile è oggetto di furti o danneggiamenti. In passato ignoti hanno dato fuoco a un’ambulanza dell’Apas. Messaggi di solidarietà sono arrivati non solo dalle autorità locali ma anche da semplici cittadini. «Un gesto inqualificabile ai danni di chi fonda il suo operato sulla solidarietà e la cura del prossimo - sostiene Lorenzo Colaleo, presidente di Anpas Sicilia - Lascia sorpresi l'accanimento sui materiali che vengono utilizzati per la distribuzione del banco alimentare alle famiglie bisognose di Paternò».

Nel frattempo, sempre a Paternò, ignoti hanno tentato di introdursi all'interno dell'ex cinema Santa Barbara. Un immobile comunale costato diverse centinaia di migliaia di euro tra acquisto e prima ristrutturazione, ancora da completare e mai entrato in funzione. La porta d'ingresso è stata danneggiata, restano da accertare eventuali problemi all'interno. Fatti che si verificano a pochi giorni dalla notizia dell'esclusione della città di Paternò dai finanziamenti del ministero dell'Interno per i progetti di videosorveglianza

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email