Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aci Bonaccorsi-Nisiana, mannaia del giudice sportivo
0-3 a tavolino per entrambe, squalificati 11 giocatori

Sono arrivate le sanzioni disciplinari per gli incidenti che hanno portato alla sospensione della gara giocata lo scorso 1 dicembre. Ko a tavolino per le due squadre, con 700 euro complessivi di ammenda. Atleta della Nisiana squalificato fino al 30 aprile

Giorgio Tosto

Mano pesantissima del giudice sportivo dopo gli incresciosi avvenimenti che hanno funestato Aci Bonaccorsi-Nisiana, partita disputata sabato scorso e sospesa alla fine del primo tempo, per lo scatenarsi di una rissa che ha visto partecipare i giocatori in campo e invasori dalla tribuna. Il referto arbitrale, reso pubblico dal comunicato ufficiale 204 della Lega Nazionale Dilettanti Sicilia, descrive chiaramente quello che è successo. 

«Alla fine del primo tempo il calciatore Arturo Strano, società Nisiana, colpiva con un forte pugno a uno zigomo un calciatore avversario, provocandogli un vistoso taglio con una notevole fuoriuscita di sangue. Notificata l'espulsione al suddetto calciatore - prosegue il rilievo basato sulle indicazioni del referto - una decina di sostenitori di entrambe le squadre, dopo avere scavalcato la recinzione, aggredivano i rispettivi avversari dando luogo a una violenta rissa nella quale venivano coinvolti i calciatori di entrambe le società. A tal punto l'arbitro - conclude il documento - impossibilitato a sedare la rissa e ripristinare l'ordine in mancanza di una fattiva collaborazione dei dirigenti delle due squadre, decideva di sospendere definitivamente la gara».

Sulla base delle rilevazioni arbitrali e sancita la responsabilità di entrambe le società calcistiche in merito al comportamento dei propri tesserati e dei sostenitori, «anche per quanto attiene alla mancata predisposizione di adeguate misure d'ordine», il giudice sportivo ha deliberato la sconfitta di entrambe le squadre per 3-0. L'Aci Bonaccorsi, società ospitante, è stata multata per 400 euro: ammonta a 300 euro, invece, l'ammenda per la Nisiana. Provvedimenti disciplinari molto pesanti anche per i singoli calciatori. Arturo Strano è stato squalificato fino al prossimo 30 aprile per «grave atto di violenza nei confronti di un calciatore avversario, colpito con un forte pugno allo zigomo, nonché per avere partecipato alla successiva rissa, colpendo con calci, pugni, testate e spinte calciatori e sostenitori avversari».

È infine arrivata una squalifica per cinque gare a ben dieci calciatori, cinque per squadra, «per aver partecipato ad una rissa colpendo con calci, pugni, testate e spinte giocatori e sostenitori avversari». L'Aci Bonaccorsi dovrà disputare le prossime partite senza l'apporto di Giovanni Castro, Alessandro De Carlo, Davide Messina, Giulio Sciacca ed Alessio Ventura. La Nisiana, attuale vice-capolista del Girone E di I categoria con 19 punti, farà invece a meno di Gabriele Caio Adornetto, Simone Litterio Cambria, Mario Pandolfo, Stefano Strano e Orazio Tirri. La speranza è che questa stangata della giustizia sportiva possa contribuire ad evitare, in futuro, episodi che con il calcio e lo sport non hanno nulla a che vedere. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email