Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Tondo Gioeni, il passaggio zebrato che non esiste più
Cittadino: «Pericoloso camminare senza segnaletica»

Cancellate dopo gli ultimi lavori che hanno interessato quella parte della circonvallazione etnea, le strisce bianche sull'asfalto nero erano la garanzia di incolumità per i pedoni prima del marciapiede. Guarda le foto

Marta Silvestre

Un passaggio zebrato che non esiste più. Cancellato dagli ultimi lavori che hanno interessato la circovallazione di Catania all'altezza del Tondo Gioeni. Delle strisce bianche sull'asfalto nero che erano, fino a qualche mese fa, la garanzia per i pedoni di poter percorrere il margine della carreggiata prima di immettersi sul marciapiede non c'è più traccia. Un segnale orizzontale che impediva alle macchine non solo di parcheggiare in quell'area ma anche di transitarvi. 

«Dopo i lavori che hanno interessato il manto stradale, la segnaletica non è stata più ripristinata e per noi che percorriamo la strada a piedi è una situazione pericolosa», lamenta a MeridioNews un cittadino catanese che ha fotografato la strada nello stato in cui è adesso. Andando su Google Maps è, invece, possibile vedere la differenza con la situazione precedente, risalente a luglio

«Non sono stati lavori comunali - precisano i tecnici del Comune di Catania - ma probabilmente quelli compiuti pochi mesi fa dalla Sidra (società partecipata al cento per cento del Comune di Catania) e il compito di controllare il ripristino della segnaletica dovrebbe essere dell'ufficio traffico urbano». Dall'amministrazione comunale intanto c'è l'impegno a occuparsi della questione per provare a trovare una soluzione nel minor tempo possibile. La mancanza della segnaletica a terra, inoltre, rende poco visibile il marciapiede a chi percorre l'arteria sui mezzi a due o quattro ruote. «Il rischio è che possa crearsi un pericoloso effetto rampa di lancio», conclude il cittadino. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email