Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Focacceria San Francesco apre all'aeroporto etneo
In vendita al punto ristoro sia arancini che arancine

In mattinata si era diffusa la notizia che lo store non vendesse la pietanza rustica il cui «sesso» divide da anni Palermo e Catania. Ma è infondata. Il locale - che ha una lunga storia - è aperto da un paio di settimane e a giorni verrà inaugurato ufficialmente  

Marco Militello

Foto di: Pagina Facebook Antica focacceria San Francesco

Foto di: Pagina Facebook Antica focacceria San Francesco

Non è vero che lo store della Antica focacceria San Francesco aperto al terminal C dell'aeroporto di Catania non vende gli arancini. Altroché se li vende. In duplice versione: l'arancino catanese e l'arancina palermitana, in spazi separati, con ricette e sapore diversi. Una scelta che supera l'antica disputa grammaticale, combattuta tra campanilismo, folklore e sfottò reciproci: è maschio o è femminaUna domanda che nel corso degli anni ha scomodato perfino l'accademia della Crusca. Il resto del menù pone qualche problema in meno sul piano delle declinazioni: è composto per lo più dai cavalli di battaglia dello street food palermitano: panelle, cazzilli, crocché, sfinciuni e poi il marchio di fabbrica, le rinomate focacce. 

Profilo Facebook Nico Torrisi

Il punto ristoro è attivo da poche settimane. A giorni si terrà l'inaugurazione con i crismi dell'ufficialità. Intanto i passeggeri in partenza o in arrivo allo scalo etneo possono gustare le prelibatezze della prestigiosa focacceria del capoluogo siciliano. E a quanto pare non soltanto i viaggiatori, ma anche chi l'aeroporto lo gestisce. All'ora di pranzo, infatti, l'amministratore delegato di Sac Nico Torrisi ha scelto di postare su Facebook una foto che lo ritrae negli spazi della focacceria, mentre addenta un arancino fumante. Rigorosamente catanese, però. «Ho apprezzato l'intelligenza e anche la strategia commerciale - sorride Torrisi al telefono con MeridioNews - che probabilmente permetterà alla focacceria di raddoppiare le vendite. I passeggeri potranno gustare gli arancini catanesi e - scherza l'imprenditore - se ancora non saranno sazi, anche le arancine palermitane». 

L'Antica focacceria San Francesco ha una storia lunga, lunghissima. Fondata nel 1834 dal maestro di cucina Salvatore Alaimo, nella cappella sconsacrata di antico palazzo nel cuore della città. Nel 1860, prima di risalire verso l'Italia continentale, Giuseppe Garibaldi si accampa nella piazza della Focacceria facendone la sua mensa. A partire dai primi anni del Novecento viene frequentata abitualmente da intellettuali come Guttuso, Sciascia e Pirandello, e diviene una sorta di circolo culturale. Anche i politici si vedono spesso tra i banconi di cazzilli. Nel 2009 viene aperta a Milano la prima sede lontano dalla Sicilia, a pochi passi dal Duomo. Nel 2011 viene inaugurato un punto ristoro all'aeroporto Fiumicino di Roma. Un anno dopo sono già quattro i locali tra la capitale e Milano. Nel 2013 avvia un rapporto con il gruppo Feltrinelli, a cui la famiglia Conticello cede le quote di capitale della società e la gestione dei punti vendita. È infine di qualche giorno fa lo «sbarco» all'aeroporto Bellini di Catania

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email