Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Duomo, rubate le stelle di Natale della Cattedrale
Parroco: «Deturpare è un gesto che non fa onore»

Le piante, collocate nel giardino che costeggia il lato sinistro della basilica, sono sparite stanotte. Padre Barbaro Scionti, che ha già denunciato il furto ai carabinieri, cerca di sdrammatizzare. Mesi fa un caso simile alla chiese della Badia. Guarda le foto

Rossella Cirrone

Foto di: Rossella Cirrone

Foto di: Rossella Cirrone

«Ce le hanno rubate sotto il naso». Così padre Barbaro Scionti, parroco della Cattedrale di Sant’Agata, cerca di sdrammatizzare il fatto avvenuto stanotte nel giardino che fiancheggia il lato sinistro della basilica, dove poco più di una ventina di Stelle di Natale sono state rubate. «Fino a ieri sera c’erano ancora - precisa Scionti - poi stamattina intorno alle 5.30 mi sono svegliato e affacciandomi dalla finestra ho notato che non c’erano più». La notizia è stata diffusa dallo stesso sacerdote che stamani, notata l’assenza delle piante, ha scattato delle foto poi postate sulla pagina Facebook della Cattedrale. Centinaia i commenti di stupore e sbigottimento da parte dei catanesi.

Le piante erano state regalate pochi giorni fa da un giovane fedele devoto a Sant’Agata, il quale, attenendosi alla tradizione, aveva deciso di fare un dono di natale alla santuzza e dare il suo contributo all’abbellimento della zona verde del Duomo, in vista delle festività natalizie. Non è la prima volta che nella zona accade un fatto del genere: nei mesi passati anche la chiesa della Badia – in via Vittorio Emanuele - ha subìto furti di piante ornamentali che erano state collocate sulle scale dell’ingresso. «È una vergogna», questo il commento di una delle esercenti della zona «addirittura rubare in Cattedrale, siamo oltre ogni limite».

Ciò che rimane delle stelle di Natale, al momento, è il solco vuoto che era stato scavato per l’interramento delle piante, nelle aiuole del giardino. Padre Barbaro Scionti stamattina ha sporto denuncia ai carabinieri ma – puntualizza – il fatto più grave da denunciare non è il furto, quanto l’abituale negligenza nel non rispettare i beni comuni. «Il furto in sé non è un problema - conferma il parroco - il problema più grosso è la necessità di educare al vivere civile, al rispetto di ciò che è e che può essere bello per tutti, deturpare non è un gesto che fa onore».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email