Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, chiesto il processo per Lombardo
Il governatore vuole denunciare i pentiti

La procura di Catania ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa per i fratelli Raffaele e Angelo Lombardo. Un atto annunciato, a una settimana dall'imputazione coatta ordinata dal gip Luigi Barone. Ma si prospettano tempi lunghi: del procedimento dovrà occuparsene un nuovo giudice

Carmen Valisano

La Procura di Catania ha chiesto il rinvio a giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa e voto di scambio per il presidente della Regione Raffaele Lombardo il fratello Angelo, deputato nazionale del Mpa. La misura è scaturita dall'imputazione coatta firmata giovedì scorso dal gip Luigi Barone. In un primo momento, infatti, l'accusa aveva chiesto l'archiviazione per i due politici. Ma il giudice - dopo una serie di udienze a porte chiuse - ha imposto una direzione opposta al procedimento, obbligando di fatto la procura a procedere.

La richiesta di rinvio a giudizio è stata depositata ieri, ma ancora non si conosce il giudice  che si occuperà del caso - che non potrà essere lo stesso Barone - né tanto meno l'inizio delle nuove udienze. Una settimana fa, Raffaele Lombardo e il suo avvocato, Guido Ziccone, avevano espresso la speranza di un percorso rapido. Ma i tempi di attesa non si prospettano brevi: il procedimento per il reato di concorso esterno deriva dalla maxi operazione Iblis del 2010 e arriverà sulla scrivania di un giudice estraneo finora al processo.

In dieci anni Cosa nostra non avrebbe potuto sostenere il Movimento per l'Autonomia e i suoi rappresentanti principali - Raffaele e Angelo Lombardo, appunto - in diverse campagne elettorali senza chiedere in cambio alcun favore. Questa la motivazione principale che ha spinto Luigi Barone a chiedere l'imputazione coatta, e dovrà essere questa la linea che l'accusa dovrà seguire. «Gli elementi sin qui esaminati e le relative considerazioni svolte - si legge infatti nelle motivazioni depositate dal Gip - offrono a questo decidente, un ulteriore elemento indiziario, che indubbiamente dovrà essere approfondito nel corso dell'istruttoria dibattimentale, ma che presenta, allo stato, una pregnanza tale da non consentire, ex se (da sé), l'archiviazione del procedimento». «Secondo il gip - ribatte Raffaele Lombardo - non potevo non favorire Cosa nostra in cambio del loro sostegno. Ma siccome non ho mai favorito nessuno e non c'è nemmeno il sospetto di un favore, ergo non mi hanno mai sostenuto».

Proprio oggi il governatore regionale ha affidato alle pagine del quotidiano La Sicilia la sua difesa a ridosso dell'udienza del processo per l'accusa di voto di scambio durante la quale ha testimoniato il pentito Eugenio Sturiale. «A questa gentaglia - afferma riferendosi anche a Maurizio Di Gati - non ho dato confidenza, nè direttamente nè indirettamente, e mi fa schifo perfino che debbano pronunciare il mio nome». Una denuncia per calunnia o per falso verrà presentata molto probabilmente nei confronti dei due collaboratori di giustizia. Riguardo alla possibilità di una sua comparizione in aula, si mostra deciso: «Mi rendo conto che dovrò intervenire. Così li ridicolizzerò di persona e potrò chiedere loro di smetterla di dire sciocchezze». Sciocchezze che riguardano - secondo Lombardo - anche il presunto pestaggio subito dal fratello Angelo: «è stato ricoverato tre volte nell'arco di 2-3 anni per gravi crisi ipertensive - chiarisce - Non è tollerabile sentire dichiarazioni contro la verità dei fatti».

 

[Foto di Forum PA]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×