Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Caso Micron, le domande sull'accordo con la St
«Se conterrà ciò hanno detto saremo soddisfatti»

Dopo la chiusura dello stabilimento etneo della multinazionale, per i 245 lavoratori c'è un piano discusso con il ministero dello Sviluppo economico. «Domani incontreremo  le due aziende per avere chiaro il quadro», dice un ex dipendente a MeridioNews 

Marta Silvestre

«Non è mai una bella notizia quando un'azienda lascia il nostro territorio». Sono queste le prime parole di Francesco Furnari, uno dei 245 lavoratori dello stabilimento catanese della multinazionale statunitense Micron - realtà industriale nella microelettronica - che ha deciso di chiudere definitivamente i battenti. Per i dipendenti, dopo l'incontro al ministero dello Sviluppo economico dello scorso lunedì, ci sarebbe un accordo per tutelare tutti i posti di lavoro che prevede anche un passaggio alla St Microelectronics, l'azienda italo-francese che produce componenti elettronici. 

«In pratica, la soluzione che ci è stata proposta non sarebbe che un ritorno alle origini», spiega Furnari a MeridioNews. La Micron, infatti, nel 2010, nasce a Catania da uno scorporo creato dalla St Microelectronics da cui viene creata Numonyx poi acquistata dalla multinazionale americana che adesso «dopo aver spremuto tutto ciò che c'era da spremere qui in Sicilia ha deciso di azzerare lo stabilimento catanese», lamenta l'Rsu. 

Un sentore c'era già stato quattro anni fa quando la Micron aveva aperto una procedura di mobilità per gli allora 419 dipendenti. Dopo una difficile e lunga vertenza, l'azienda aveva poi deciso di ritornare sui propri passi e retrocedere da quelle posizioni. Ora la nuova decisione di chiudere. «Non ci sono state soluzioni possibili di compromesso su questo punto - dice Nunzio Cinquemani, segretario della Fiom Cgil di Catania - ma siamo comunque riusciti a non dare origine a un nuovo problema sociale e a prospettare un buon accordo dal punto di vista occupazionale che sia in grado di tutelare tutti i posti di lavoro». Lo scenario che adesso si prospetta agli ex dipendenti Micron è triplice: «In primo luogo, c'è la possibilità di passare alla St Microelectronics mantenendo mansioni, retribuzioni, anzianità e condizioni contrattuali; esodo incentivato per chi deciderà di svincolarsi dal passaggio e, infine - aggiunge Cinquemani - per circa una settantina di persone la proposta di ricollocazione in un altro sito di Micron in Italia (Arzano, Avezzano, Padova o Vimercate, ndr) o all'estero».

In linea di massima è questo il piano. «Domani faremo una riunione a Roma, in sede sindacale, durante la quale saranno presenti le due aziende (Micron e St Microelectronics) - anticipa Furnari - per avere chiaro il quadro dell'accordo per il passaggio e per poterci confrontare sui contenuti. Se l'accordo conterrà tutto quello che ci è stato detto finora, dal punto di vista occupazione potremmo dirci soddisfatti». Se tutto procede come previsto, per il prossimo martedì è già in agenda il secondo appuntamento al Mise per ratificare la decisione

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×