Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Un po' di piazzale Sanzio per Serafino Famà
«L'intitolazione ufficiale è un segnale forte»

Un mazzo di fiori e tanti sorrisi. Stamattina è stato inaugurato cos젖 con l'intervento del sindaco di Catania Raffaele Stancanelli – lo slargo davanti alla fermata degli autobus, dedicato all'avvocato catanese, ucciso dalla mafia 16 anni fa. «Siamo felici – dicono i figli del penalista – È un grande riconoscimento per mio padre e per il suo lavoro in questa città»

Luisa Santangelo

Alla fine l'hanno inaugurato ufficialmente. C'è un angolo di piazzale Raffaello Sanzio che adesso ha un nome nuovo. È più o meno all'incrocio tra viale Raffaello Sanzio e via Oliveto Scammacca, dove 16 anni fa sei pallottole calibro 7,65 uccidevano Serafino Famà, avvocato catanese ammazzato dagli uomini del clan Laudani perché troppo onesto nel fare il suo mestiere. Ed è al penalista che è stato intitolato lo slargo davanti alla fermata degli autobus.  «La città finalmente prende una posizione in memoria di mio padre», afferma sua figlia Flavia.

[youtube

In realtà, però, la targa commemorativa il Comune di Catania l'ha messa lì a metà dicembre. Senza clamori né annunci, tanto che neanche la famiglia ne sapeva nulla. «Passavo di qua per caso, ho visto la targa nuova e mi sono chiesto cosa ci facesse lì e quando l'avessero posizionata, dato che non eravamo stati avvisati», dice Fabrizio Famà, fratello maggiore di Flavia, mentre sorride. E continua: «A causa dei vari impegni istituzionali è stato difficile trovare un giorno per inaugurarla, l'importante è che ci siamo riusciti». L'ideale sarebbe stato fissare la celebrazione per il 3 aprile, «quando sarebbe stato il settantaquattresimo compleanno di mio padre». Ma pure stamattina s'è trovata una coincidenza: «Mio padre era un grande appassionato di calcio – ricorda Flavia – Il mercoledì e il sabato era sempre coi suoi pantaloncini e le scarpette, pronto ad andare a giocare coi suoi colleghi». Gli stessi colleghi che oggi si sono sfidati durante un mini-torneo di calcetto, anche loro in memoria di Serafino Famà.

«Abbiamo voluto dare un significato formale e ufficiale per dare un segnale forte alla città – afferma Raffaele Stancanelli, sindaco del capoluogo etneo – Ricordare ai cittadini che c'è chi ha dato la vita per il rispetto delle regole è il minimo che possiamo fare».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×