Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Differenziata, bruciati venti cassonetti
Il Comune: «Il sistema non piace ai parassiti»

Tutti finalizzati alla raccolta differenziata e tutti nell'unica zona in cui questa viene ancora gestita dalla Multiservizi, la società partecipata dall'amministrazione. Ci sono volute tre squadre di vigili del fuoco - di cui una di rinforzo da Acireale - per spegnere i roghi appiccati in otto diverse vie della città in appena un'ora, durante la mattinata di Pasquetta. Impossibile trovare i responsabili. Forse dei vandali oppure, come sospettano dall'amministrazione etnea, degli scontenti

«Quando si mettono delle regole c'è sempre qualcuno che non le sopporta. A Catania l'ordine dà fastidio». E' arrabbiato l'assessore all'Ecologia e Ambiente del Comune etneo, Claudio Torrisi, dopo l'appena trascorsa Pasquetta di fuoco. Letteralmente. Sono stati almeno 18 i cassonetti dati alle fiamme ieri mattina in otto punti della città: tutti destinati alla raccolta differenziata e tutti nell'unica zona dove questa viene gestita dall'amministrazione comunale. Zona in cui i contenitori erano già pochi. Se si considerano le ultime due settimane, il numero di cassonetti bruciati sale a più di una trentina. Tra questi, però, anche alcuni della ditta appaltatrice, la Ipi-Oikos. «E’ la risposta dolosa, l’ennesima purtroppo, alla nostra azione di trasparenza e legalità che portiamo avanti tra mille ostacoli rimuovendo le tante incrostazioni parassitarie che ancora resistono nella raccolta dei rifiuti a Catania - scrive il sindaco Raffaele Stancanelli in una nota - dove per decenni ha allignato il malaffare portandoci agli ultimi posti quanto a efficienza ed economicità». Senza considerare il danno ambientale. Stamattina, la direzione Ecologia del Comune di Catania ha sporto una formale denuncia contro ignoti ai carabinieri etnei. Mentre Torrisi rassicura: «I cassonetti verranno sostituiti tra oggi e domani».

[HTML1]

La prima segnalazione ai vigili del fuoco è arrivata ieri mattina alle 10,28 dal viale Ionio. In un'ora, gli interventi si sono susseguiti tra via Firenze, corso Italia, via Martino Cilestri, via Verona, Via Milano, via Ramondetta e via Cervignano dove alle 12.30 i resti dei cassonetti erano ancora fumanti. Ai pompieri sono servite due squadre, più una di rinforzo da Acireale. Un'azione incendiaria che è subito apparsa coordinata, ma di cui non è stato possibile individuare i responsabili. Forse dei vandali oppure un'intimidazione, come sostengono i dirigenti dell'amministrazione comunale. «Credo che a qualcuno diano fastidio le misure messe in atto dal Comune per controllare che la raccolta differenziata venga effettuata come si deve - spiega Torrisi - Dalle multe agli ispettori ambientali». «Periodicamente succede che vengano incendiati dei cassonetti, ma non come ieri - aggiunge Carlo Chillemi, funzionario che si occupa di raccolta differenziata presso la direzione Ecologia del Comune che stamattina ha presentato la denuncia - Non credo però che si tratti dell'utenza».

Un sospetto rafforzato dalla particolarità  della zona presa di mira dagli incendiari. Tutte le vie in cui si trovano i cassonetti bruciati fanno parte, infatti, del quadrilatero in cui la raccolta dei rifiuti è ancora di competenza del Comune e non della Ipi-Oikos. Ditta appaltatrice per il resto della città che ha sostituito la Multiservizi, partecipata comunale a cui è rimasta la sola zona compresa tra corso Italia, viale Odorico da Pordenone, viale Vittorio Veneto e via Caronda. Almeno fino a quando il Comune non avvierà un progetto per la raccolta porta a porta: elaborazione prevista tra una decina di giorni. «Chiunque sia stato, comunque, non si rende conto di aver provocato anche un danno ambientale e ai cittadini - aggiunge l'assessore - Perché bruciare la plastica significa liberare delle sostanze cancerogene». Motivo per cui Torrisi ha intenzione di proporre al sindaco di sporgere una seconda denuncia a carattere igienico-sanitario, per tutelare la salute pubblica. L'unico danno scampato, al momento, sembra essere quello economico. Per sostituire i cassonetti bruciati, infatti, il Comune non dovrà spendere un euro. «Ne abbiamo un grande numero di riserva, acquistati cinque anni fa dall'Ato - conclude Torrisi - Contiamo quindi di sostituirli subito, tra oggi e domani». Fino ad esaurimento scorte.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×