Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Bronte, l'albero Casaccio fa concorrenza a Spelacchio
«Solo un errore, le luci devono ancora essere installate»

Lo sbaglio di un dipendente comunale sta costando, in queste ore, una serie di attacchi all'amministrazione comunale (già provata dall'assenza del sindaco Graziano Calanna, agli arresti domiciliari). L'assessore Giuseppe Di Mulo commenta: «Che amarezza»

Luisa Santangelo

L'hanno chiamato Casaccio, seguendo la tradizione inaugurata dai cittadini di Roma con il loro Spelacchio. L'albero di Natale di piazza Spedalieri, al centro di Bronte, ha scatenato una lunga sequela di polemiche sui social network. Tutto per via di un'immagine - che in breve tempo ha fatto il giro della città - che immortala l'abete natalizio addobbato con tre cavi di led colorati. Gettati lì così, a casaccio appunto, senza che si possa dire altro di buono. Eppure, a differenza del fratello romano, Casaccio di rami ne ha a sufficienza e certo non si può dire che sia poco in forma. Su di lui, però, se ne sono dette tante e adesso tocca all'amministrazione mettere a tacere le voci: «Che amarezza - commenta a MeridioNews l'assessore Giuseppe Di Mulo - Dopo tutto quello che stiamo facendo, un errore ci costa così caro».

Secondo quanto si apprende, quell'illuminazione potrebbe essere il frutto dell'iniziativa di un dipendente comunale. Chiamato ad accertarsi che funzionasse l'allaccio con l'energia elettrica pubblica, il povero operaio avrebbe lasciato accesi quei led di prova. Il tutto sarebbe durato giusto qualche ora, il tempo che le fotografie passassero di smartphone in smartphone e facessero partire l'onda dell'indignazione popolare. «Gli alberi ci sono stati donati dai privati cittadini, mentre per le luminarie della città e degli abeti è stata indetta una gara tramite il portale delle forniture per la pubblica amministrazione, il Mepa - continua Di Mulo, titolare della Cultura - I brontesi possono stare tranquilli: gli addobbi non sono definitivi, quelli veri devono ancora essere installati».

A lui è toccato occuparsi anche di questa faccenda, oltre che dell'organizzazione degli eventi natalizi, visto il «momento di difficoltà del Comune»: con il sindaco Graziano Calanna agli arresti domiciliari per un presunto caso di corruzione, non è semplice mandare avanti anche le iniziative per le deleghe che spettano proprio al primo cittadino. Tra le quali quella al Turismo. In base al capitolato d'appalto per il Natale 2018 a Bronte, il costo delle luci da viale Catania a corso Umberto ammonta, in totale, a diecimila euro. In totale si tratta di cento addobbi luminosi per le strade e di 1500 luci a led da montare sui cinque alberi di Natale installati dal Comune. L'accensione è prevista per il 16 dicembre, e lo spegnimento per il 7 gennaio.

La gara si è conclusa questa mattina, alle dieci, e ad aggiudicarsela in via provvisoria è stata l'associazione Animo ergo sum, che ha una sede in via Etna, nel territorio comunale. È a loro che spetterà il compito, qualora l'aggiudicazione diventasse definitiva, di fugare ogni dubbio sull'eventuale bellezza delle decorazioni natalizie. «Devo ultimare le verifiche sull'azienda e sui suoi requisiti - spiega il responsabile unico del procedimento Antonino Minio - Entro domani dovremmo essere nelle condizioni di iniziare a montare le luminarie». Nel frattempo, però, l'augurio è uno: «Speriamo che Casaccio non resti Casaccio», sospira il consigliere comunale di opposizione Carlo Castiglione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews