Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Centro storico, ai domiciliari uno scippatore seriale

Redazione

La Polizia di Stato ha tratto in arresto TROVATO Gabriele (cl. 1995), responsabile del reato di furto con strappo. Nel mese di novembre sono stati registrati diversi scippi nel centro storico cittadino ad opera di un soggetto che, secondo i primi racconti forniti delle vittime, era di giovane età e agiva prevalentemente nelle ore notturne e serali, a bordo di un ciclomotore. Al fine di contrastare il suddetto fenomeno, personale della Squadra Mobile ha predisposto mirati servizi di osservazione e controllo, dislocando le diverse pattuglie della Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso” nelle zone maggiormente affollate, in special modo durante la movida.

Dall’attività  – incentrata principalmente sull’acquisizione e visione dei filmati registrati dai sistemi di videosorveglianza delle attività commerciali presenti sui luoghi degli eventi, segnatamente su via Coppola e via Garofalo, nonché dalle indicazioni fornite direttamente dalle vittime – sono emersi elementi utili alla prosecuzione delle indagini, in relazione alla marca ed al modello del ciclomotore utilizzato, alle caratteristiche fisiche dell’autore e il suo modus operandi.

Nella serata del 7 dicembre, alle ore 23 circa, la Sala operativa della Questura ha diramato una nota radio su uno scippo ai danni di una giovane donna, precisamente lungo la via Santa Chiara, da parte di un soggetto anch’egli molto giovane a bordo di un ciclomotore di colore chiaro. Nel giro di pochi minuti, gli equipaggi della Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso”, già dislocati in modo da bloccare le possibili vie di fuga, si sono diretti verso il luogo segnalato e hanno preso contatti con la vittima.

Contestualmente, altri equipaggi posizionati nel centrale quartiere Cappuccini, hanno notato un giovane, con abbigliamento e caratteristiche fisiche, corrispondenti a quelle fornite dalla Sala operativa che, a piedi, correndo cercava di rientrare in fretta nella sua abitazione. Insospettiti dall’atteggiamento tenuto, gli agenti della Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso” hanno deciso di fermare il giovane che, dopo un tentennamento iniziale, ha ammesso di essere l’autore dello scippo appena perpetrato e di aver lasciato il mezzo utilizzato nelle vicinanze della sua abitazione. Nell’immediatezza del controllo, gli agenti hanno recuperato anche la borsa che è stata restituita alla vittima, al momento della formalizzazione della denuncia.

Nel prosieguo delle attività di polizia giudiziaria, inoltre, è stato appurato che il ciclomotore utilizzato da TROVATO per compiere lo scippo era di provenienza furtiva e pertanto è stato sottoposto a sequestro. TROVATO, peraltro, oltre a confessare lo scippo consumato in serata, ha ammesso di essere l’autore di altri scippi commessi nei giorni precedenti. Per lo scippo consumato, TROVATO è stato tratto in arresto in flagranza di reato e messo a disposizione dell’A.G., che, all’esito dell’udienza di convalida, ha disposto l’applicazione nei suoi confronti della misura cautelare degli arresti domiciliari. 

(Fonte: Ufficio stampa questura di Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.