Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania, Sicula Leonzio snodo cruciale per Sottil
Padroni di casa in crisi, i rossazzurri ci provano

Questa sera, alle 20:30, andrà in scena a Lentini il derby tra bianconeri e rossazzurri. La Sicula prova ad uscire dalla crisi affidandosi al tecnico Vincenzo Torrente. In casa etnea, invece, ha parlato solo Lo Monaco: «Vi dico che alla fine arriveremo primi»

Giorgio Tosto

Foto di: Calcio Catania Spa Official

Foto di: Calcio Catania Spa Official

Il Catania proverà a scacciare i fantasmi delle pessime prestazioni contro Bisceglie e Virtus Francavilla stasera, in un derby che si prospetta assai infuocato contro la Sicula Leonzio. Si incrociano due squadre che, per motivi diversi, stanno attraversando il momento più delicato dall'inizio del campionato: i padroni di casa, dopo aver cominciato bene, sono incappati in cinque sconfitte nelle ultime sei partite (un solo punto conquistato), precipitando fuori dalla zona playoff e perdendo d'un tratto entusiasmo e certezze. La decisione del patron Giuseppe Leonardi è stata quella di sostituire Paolo Bianco con un timoniere navigato come Vincenzo Torrente: una garanzia, per la Lega Pro.

Proprio ieri il nuovo tecnico della Sicula, ex Bari, è stato presentato alla stampa. «Nonostante le difficoltà - ha detto Torrente - questa squadra ha valori e necessita di una scintilla per ripartire, già dalla gara col Catania. Sono certo - ribadisce l'allenatore - che i miei giocatori daranno il massimo per la maglia e per i nostri tifosi. Sono le classiche partite che si preparano da sole, se non si ha qualcosa di speciale dentro in queste occasioni, è inutile fare questo lavoro». Parole, quelle di Torrente, che fanno capire bene il clima di rivalsa e la grande motivazione che metterà in campo stasera la squadra bianconera.

Dall'altra parte, in casa Catania, il silenzio stampa ha accompagnato lo striminzito 1-0 casalingo con la Virtus Francavilla, con i calciatori che al triplice fischio sono stati accompagnati negli spogliatoi dai fischi assordanti del pubblico del Massimino. I tifosi sono spazientiti e Pietro Lo Monaco lo sa bene: «Non voglio dare giustificazioni - ha sentenziato il Direttore ai microfoni di Telecolor - c'è sempre rispetto per la gente, per noi è la prima cosa. Dare una spiegazione a un rendimento così precario da parte di tanti giocatori è difficile. Qual è il vero Catania, quello di Sassuolo o quello di Bisceglie? Non l'ho mai fatto, ma lo faccio ora: vi dico che alla fine arriveremo primi in classifica».

Anche per l'amministratore delegato rossazzurro, dunque, non è facile capire cosa stia succedendo ai calciatori: «È inconcepibile - prosegue Lo Monaco - guardi la squadra dal punto di vista atletico e sembrano piantati a terra. A livello tecnico non hanno un'idea, una giocata. E l'allenatore non c'entra: è il singolo. Si sbagliano passaggi incredibili e non si sviluppa gioco. Tutte cose che fanno parte delle difficoltà che stiamo attraversando». Il Direttore prova, dunque, a sgravare dalle spalle di mister Andrea Sottil parte della responsabilità: l'impressione, però, è che il match di stasera al Sicula Trasporti Stadium possa essere decisivo anche per lui.

L'allenatore rossazzurro dovrà dare segnali ben precisi, a livello di scelte tecniche e disposizione tattica. Lo schema dovrebbe essere il 4-2-3-1, ma con qualche variante: Calapai è atteso al rientro sulla corsia difensiva di destra, mentre dall'altra parte c'è il solito ballottaggio tra Scaglia e Baraye. Sulla trequarti, Manneh, Lodi e Brodic sono attesi in rampa di lancio, mentre Marotta dovrebbe riprendere il suo posto al centro dell'attacco. Nella Sicula, occhio alla voglia di far bene degli ex Andrea De Rossi e Francesco Ripa. Lo scorso anno, in un terreno al limite, era andato in scena un combattutissimo 0-0: la musica, anche oggi, sarà più o meno la stessa. Ci vorranno grinta e tanta corsa per uscire con un successo da una trasferta storicamente complicata.

Probabili formazioni:

Sicula Leonzio (4-3-3): Polverino; De Rossi, Laezza, Aquilanti, Squillace; Gammone, G. Esposito, D’Angelo; Gomez, Ripa, Sainz-Maza. All: Torrente

Catania (4-2-3-1): Pisseri; Calapai, Aya, Silvestri, Scaglia; Biagianti, G. Rizzo; Manneh, Lodi, Brodic; Marotta. All: Sottil

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×