Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Gratuito patrocinio negato alle associazioni
«Opporsi a cricche e scempi? Troppo caro»

L’'80 per cento delle istanze per ottenere un avvocato pagato dello Stato presentate nel 2011 da associazioni e enti no profit al Tar di Catania non sono state ammesse al beneficio. Con la motivazione che «le azioni proposte non sarebbero dirette a tutelare situazioni giuridiche proprie dell’ente ma di terzi rappresentati». «Una strategia volta a disincentivare le azioni delle associazioni, per evitare un sovraffollamento di ricorsi nei confronti delle pubbliche amministrazioni», secondo Nicola Tindaro Calabria, presidente dell’Associazione consumatori siciliani

Gianmarco Catalano

«Il Tar ha negato la nostra ammissione al patrocinio a spese dello Stato proprio perché rappresentiamo e vorremmo difendere i diritti dei consumatori, molti dei quali nostri associati». Così Nicola Tindaro Calabria, presidente dell’Associazione consumatori siciliani spiega le motivazioni del rigetto ricevuto dal Tribunale amministrativo regionale etneo della richiesta di ammissione al gratuito patrocinio, istituto nato per permettere l’accesso alla giustizia anche a chi non ha i mezzi economici per avvalersi dell’assistenza legale. L’ente riconosciuto con sede legale a Patti, nel messinese, lo scorso anno aveva impugnato una delibera della giunta municipale del Comune di Enna – avente ad oggetto una maggiorazione della tassa sui rifiuti solidi urbani (TaRSU) – ritenuta illegittima per vizio di incompetenza: l’atto, secondo la ricorrente, avrebbe dovuto essere adottato dal consiglio comunale. Un ricorso, dunque, presentato nell’interesse dei cittadini-utenti. Ma proprio per questo, paradossalmente, motivo del rigetto dell’istanza.

Che cos’è il gratuito patrocinio? Guarda la nostra infografica

Sono parecchie le domande di gratuito patrocinio respinte, nell’ultimo anno, dalla sezione catanese del Tribunale amministrativo regionale: 162 rigetti su un totale di 374 richieste di ammissione. Tra i dati forniti dalla Commissione per il patrocinio a spese dello Stato del Tar Catania spicca quello riguardante le associazioni e gli enti no profit: ben l’80 per cento delle istanze presentate da queste organizzazioni non sono state ammesse al beneficio. «Un fatto anomalo per noi amministrativisti – sostiene Mario Michele Giarrusso, avvocato del foro etneo – che scoraggia il ricorso alla giustizia a causa dell’aumento vertiginoso dei costi». Negli ultimi anni, in particolare, le tasse d’ingresso alla giustizia amministrativa hanno subito continui e cospicui rincari, basti citare il contributo unificato in materia di appalti: dal 2006 ad oggi, si è passati dagli originari 500 euro agli attuali 4mila per ogni atto impugnato, a prescindere dal valore dell’appalto. «Adesso, se i cittadini volessero opporsi ad una grande opera figlia della nuova tangentopoli e delle cricche – spiega Giarrusso – sarebbero costretti a sborsare cifre di un importo inimmaginabile fino a qualche tempo fa».  Guarda il video

[youtube

Costi «abnormi e insostenibili», se non fosse proprio per gli enti e le associazioni senza scopo di lucro che, grazie allo strumento del gratuito patrocinio, agiscono dinnanzi al giudice amministrativo – attraverso ricorsi e per questioni d’interesse generale che difficilmente vedono il singolo cittadino esporsi in prima persona –  con l’obbiettivo di tutelare e difendere i beni comuni, impugnando atti pubblici e politici di sospetta illegittimità. L’associazione dei consumatori siciliani non è nuova a questo genere di battaglie: sin dal 2005, anno della sua fondazione, si è resa promotrice di proteste e iniziative contro tariffe comunali elevate e crediti relativi a canoni di depurazione prescritti, spesso sfociati in ricorsi alla Commissione tributaria provinciale.

È evidente, allora, che si tratta di «enti che non ricorrono alla giustizia per soddisfare interessi privati», sottolinea l’avvocato. Eppure la motivazione che «le azioni proposte non sarebbero dirette a tutelare situazioni giuridiche proprie dell’ente ma di terzi rappresentati», come specifica il dottor Rosario Giorgio Carnabuci, segretario della Commissione per il patrocinio a spese dello stato del Tar Catania, si rintraccia anche nei rigetti contro alcune associazioni di promozione sociale, meglio conosciute come Onlus (organizzazioni non lucrative di utilità sociale). Le stesse che sarebbero invece «legittimate a ricorrere in sede di giurisdizione amministrativa – come specifica la legge 383 del 2000 – per l'annullamento di atti illegittimi lesivi degli interessi collettivi» in relazione alle finalità perseguite.

«A dispetto della previsione di legge – commenta Giarrusso – si stanno cercando le più strane motivazioni per inibire l’accesso al gratuito patrocinio, frapponendo ostacoli e cavilli pretestuosi e perlopiù infondati». Per il presidente Nicola Calabria «sono decisioni strumentali inquadrabili in una strategia volta a disincentivare le azioni delle associazioni, per evitare un sovraffollamento di ricorsi nei confronti delle pubbliche amministrazioni». Dalla segreteria della Commissione per il patrocinio a spese dello Stato assicurano che «è solo dalla sussistenza o meno dei presupposti giuridici di forma e di sostanza», previsti dalla normativa vigente, «che dipende l’ammissione o la non ammissione al beneficio». Ma le argomentazioni del tribunale di via Milano non sembrano convincere: «Andremo avanti e impugneremo il rigetto – annuncia Calabria – perché non possiamo accettare passivamente l’orientamento assunto dal Tar di Catania».

[Foto di glamismac]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews