Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Abbandona tre stufe in strada ma un cittadino lo filma
«Gli sporcaccioni sono di casa in via Orto dei Limoni»

L'operazione di scarico ripresa da uno smartphone. La situazione non è migliore nella vicina via Milo. «Da mesi ci sono dei sacchi con materiale edile ma nessuno interviene». Il Comune annuncia pesanti multe. Guarda il video

Dario De Luca

Una vecchia Renault, stracolma di stufe passate di moda, che si ferma vicino ad alcuni cassonetti in via Orto dei Limoni, nella zona del Borgo a Catania. Pochi secondi e dall'autovettura scende un uomo, si guarda attorno, e inizia a scaricare gli apparecchi. Tre in totale, abbandonati, in meno di un minuto, vicino alla campana verde destinata alla raccolta del vetro. Un video però ha immortalato tutta l'operazione. L'ennesima che si registra in un'arteria che, da mesi, deve fare i conti con l'abbandono incontrollato di rifiuti. Basti pensare che poco prima dell'arrivo dell'uomo in macchina qualcuno aveva scaricato un grande materasso. Lasciandolo dietro i cassonetti, adagiato sul cofano di una Mercedes nera. 

«Abbiamo girato tutto il materiale ai vigili urbani - racconta l'assessore all'Ambiente Fabio Cantarella -. Adesso si procederà con gli accertamenti del caso e per l'autore del gesto si prospetta una multa di quasi 600 euro». Il copione sul degrado della zona non cambia nella vicina via Milo. Come racconta un cittadino a MeridioNews: «Da almeno due mesi qualcuno ha fatto dei lavori edili, ma si è scordato decine di sacchetti pieni di materiale sul marciapiede». 

Stando al racconto dell'uomo, che ha inviato alla nostra redazione una fotografia, oltre a mattoni e pezzi di intonaco, si sono aggiunte altre tipologie di rifiuti. «Nei giorni scorsi, è comparsa una vecchia avvolgibile ma anche un contenitore di olio esausto e qualche lattina. Ma la cosa che fa più rabbia - aggiunge - è che da qui passano spesso le macchine del servizio igiene urbana ma i sacchi sono sempre al loro posto». Anche su questo punto da Palazzo degli elefanti assicurano interventi in tempi brevi. «L'obiettivo è individuare chi ha fatto quei lavori - aggiunge Cantarella - e di questo si occuperanno i vigili urbani. Successivamente si procederà alla rimozione». 

Spostandosi nella vicina via Maletto, angolo via Calatabiano, c'è un altro luogo che viene spesso scelto dagli sporcaccioni. «Accanto al cassonetto - aggiunge il testimone - si trovano mobili, letti e materassi». La cartina al tornasole del degrado, che regna nel quartiere, arriva anche dai numerosi escrementi di animali che caratterizzano in particolare via Rodi e via Eleonora d'Angiò.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×