Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Adrano, indagini su sassi contro la guardia medica
Almeno quattro persone coinvolte, forse ubriache

«Un fatto increscioso, messo in atto da persone che nulla hanno a che vedere con il resto della nostra comunità». È il commento del primo cittadino Angelo D'Agate su quanto avvenuto nella notte tra sabato e domenica al Pta di piazza Sant'Agostino

Salvatore Caruso

«Siamo dinanzi ad un fatto increscioso messo in atto da soggetti che non hanno nulla a che vedere con il resto della nostra comunità. Un atto da condannare in modo assoluto». A parlare è il sindaco di Adrano Angelo D’Agate, che ha espresso la propria solidarietà e vicinanza al commissario dell'Asp Maurizio Lanza e alla dottoressa in servizio alla Guardia medica di Adrano nella notte tra sabato e domenica. Il Pta di piazza Sant’Agostino è stato fatto oggetto di una sassaiola da parte di un gruppo di giovani, composto da quattro elementi, probabilmente ubriachi. «Invito ancora una volta i miei concittadini ad avere rispetto della cosa pubblica e di coloro che hanno un preciso ruolo nella nostra società. È inammissibile assistere a fatti di questo tipo che ledano l’immagine di una città».

Oggi, intanto, al presidio territoriale di assistenza hanno avuto inizio gli interventi di ripristino e sostituzione delle parti danneggiate. I lavori dovrebbero essere ultimati nelle prossime ore. Domenica mattina sono stati effettuati i sopralluoghi dei tecnici dell’Asp per avviare i necessari interventi di messa in sicurezza del portone d’ingresso e verificare la tenuta del vetro antisfondamento. Il commissario Asp Maurizio Lanza appreso la notizia aveva chiamato la collega per sincerarsi delle sue condizioni: «L’azienda si costituirà nelle sedi opportune per tutelare la dottoressa e il bene danneggiato», dichiara.

Sul fatto stanno indagando gli agenti del commissariato di Adrano intervenuti tempestivamente in piazza Sant’Agostino non appena è scattato l’allarme lanciato dalla professionista. Al vaglio degli inquirenti le registrazioni del sistema di videosorveglianza piazzato all’esterno e all’interno dell’edificio. Non è ancora del tutto chiara la ricostruzione della sassaiola. Secondo le forze dell’ordine un gruppo di persone si sarebbe presentato alla postazione della guardia medica con tra le mani delle bottiglie, probabilmente di birra. Avrebbero quindi citofonato al portone del servizio d’emergenza, che rimane chiuso durante la notte. Non è da escludere che la medica, non sentendosi al sicuro, abbia tergiversato nell’aprire la porta. Ne sarebbe scaturita una vivace discussione tra la dottoressa e il marito di quest’ultima che si trovavano all’interno della struttura e il gruppo di persone che stazionavano all’esterno dell’edificio. 

Queste ultime sarebbero andate via, per poi fare ritorno, qualche minuto dopo, munite di sassi da lanciare contro la vetrata. I giovani poi si sono dati alla fuga. «Ringrazio le forze dell’ordine per il loro rapido intervento e per il lavoro che stanno conducendo in queste ore – continua Lanza- Nel succedersi dei deprecabili fatti si è avuto modo di apprezzare l’utilità del sistema di videosorveglianza che è fra i requisiti dell’organico sistema di sicurezza, voluto dall’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, previsto a tutela degli operatori dei presidi di continuità assistenziale, e che la nostra Azienda ha realizzato sul territorio».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×