Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania-Cavese 5-0, ecco chi sale e chi scende
Manneh imprendibile, Calapai treno sulla destra

Gli etnei soffrono nel primo tempo e dilagano nella ripresa, asfaltando la Cavese dopo l'espulsione del portiere ospite e il rigore di Lodi. Manneh il migliore, non solo per la doppietta: gran partita dell'esterno, supportato anche da un Calapai in versione deluxe

Giorgio Tosto

Il Catania vince 5-0 contro la Cavese, festeggiando un Natale sereno dopo tanti dubbi e polemiche. Nel pokerissimo rossazzurro spicca senza dubbi Kalifa Manneh, autore del prezioso gol del vantaggio, arrivato dopo un primo tempo tribolato. L'esterno destro corre senza sosta e sigla un'altra pregevole rete nel finale. Calapai fa la differenza a destra, mettendo tanti cross e rendendosi utile anche in fase difensiva.

Top

Kalifa Manneh: Potrebbe essere il match della consacrazione per l'esterno offensivo gambiano. Ha l'enorme merito di siglare la rete del vantaggio, dopo una prima frazione di gioco in cui il Catania ha sofferto l'intraprendenza di una Cavese che sfiora due volte l'1-0 con Sciamanna. Una freddezza sotto rete che Manneh ripete anche nel corso della ripresa, quando ha la lucidità di mettere fuori causa con una finta il dirimpettaio e battere De Brasi.

Top

Luca Calapai: Il terzino destro entra a metà del primo tempo, sostituendo l'infortunato Baraye. Si piazza subito a destra, facendo intuire la sua indispensabilità. Rispetto a Ciancio, dirottato a sinistra, il numero 26 rossazzurro inizia a sfornare cross a ripetizione, mettendo in ambasce il dirimpettaio Inzoudine, più baldanzoso prima del suo ingresso. Pulito e lucido anche in copertura: prova da dieci e lode per lui. 

Top

Francesco Lodi: Non si rende certo protagonista della miglior gara della carriera, ma il numero 10 rossazzurro si fa sentire nei momenti importanti della gara. Primo tempo al piccolo trotto e un po' defilato, ripresa in cui è decisivo grazie soprattutto al rigore del 2-0. La sua lucidità in mediana è molto importante per la squadra. 

Flop

Simone Ciancio: Il numero 23 del Catania comincia a destra, venendo poi dirottato sulla fascia difensiva di sinistra dopo l'ingresso di Luca Calapai. Il risultato non cambia: l'ex Lecce è apparso incerto e impacciato in molte circostanze, subendo l'intraprendenza di Fella e Rosafio e non riuscendo mai a proporsi sulla fascia. Prova sotto la sufficienza per lui, in un evidente periodo di scarsa forma.

Flop

Ramzi Aya: La difesa continua a non subire gol, ma lui, da condottiero della terza linea rossazzura, commette due leggerezze potenzialmente letali in occasione delle due grandi chance capitate a Sciamanna nel primo tempo. In entrambi i casi, l'attaccante della Cavese si è trovato completamente solo davanti a Pisseri. Serve più attenzione. 

Flop

Federico Angiulli: Prova senza infamia e senza lode quella della mezzala ex Ternana. Tanta quantità, qualche fuga sulla sinistra con un bel cross scoccato nel primo tempo. Ancora, però, manca il salto di qualità che un giocatore del suo calibro può certamente assicurare. Partita da 6-. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×