Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Etna, Natale ai domiciliari per Di Franco e Barone
Coinvolti in inchiesta su monopolio Russo Morosoli

Il Riesame ha respinto i ricorsi contro le misure cautelari che erano scattate lo scorso 30 novembre, annullando però due capi d'imputazione. Decisione analoga a quella che era arrivata per il patron della funivia e per il sindaco di Bronte Graziano Calanna

Francesco Vasta

Restano agli arresti domiciliari anche Salvo Di Franco, factotum e braccio destro dell'imprenditore Francesco Russo Morosoli, e Franco Barone, ex dirigente del Settore affari generali del comune di Linguaglossa. Il collegio del tribunale del Riesame presieduto dal giudice Sebastiano Mignemi ha rigettato i ricorsi dei due soggetti a cui, assieme al patron della funivia dell'Etna, lo scorso 30 novembre era stata comminata la misura cautelare nell'ambito dell'inchiesta Aetna. Analoga decisione era arrivata sabato scorso per Russo Morosoli e per il sindaco Graziano Calanna, coinvolto nel filone dell'indagine che riguarda il presunto episodio corruttivo sull'affidamento di manutenzione e sfruttamento dell'energia elettrica tramite l'acquedotto del Comune di Bronte. 

Anche per Barone e Di Franco, il Riesame ha annullato l'ordinanza del giudice per le indagini preliminari solamente riguardo i capi di imputazione 3 e 6, cioè la presunta turbativa d'asta negli appalti del Comune di Linguaglossa per le escursioni ai crateri sommitali dell'Etna. Si tratta delle procedure bandite nel 2016 e nel 2018, quest'ultima nelle more della procedura di project financing per un sistema di mobilità Etna-Alcantara altresì finito nella bufera. Rimane in piedi il resto delle accuse che avevano coinvolto peraltro, a vario titolo, ventisei persone fra i vertici dell'impero imprenditoriale di Francesco Russo Morosoli, sindaci dell'area etnea, guide vulcanologiche e uomini delle forze dell'ordine. 

Il fulcro dell'inchiesta, portata avanti dalla guardia di finanza di Riposto, riguarda i presunti reati commessi dal proprietario della funivia dell'Etna allo scopo di mantenere la storica supremazia imprenditoriale nello sfruttamento turistico degli accessi alle zone sommitali della montagna. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×