Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Terremoto, convenzione con alberghi per gli sfollati
Stanze libere. «Turisti scappati subito dopo il sisma»

Cinquanta euro a notte per gli adulti, il 30 per cento in meno per i bambini fino ai 12 anni. A pagare sarà il dipartimento regionale di Protezione civile, nel caso di persone che hanno dovuto lasciare la propria abitazione per colpa della scossa

Marco Militello

Cinquanta euro a notte, pensione completa, e il 30 per cento in meno in caso di bambini fino ai 12 anni: è questo l'importo stabilito dalla convenzione stipulata tra i Comuni di Aci Catena, Acireale, Aci Sant'Antonio, Santa Venerina, Viagrande e Zafferana Etnea da una parte e Federalberghi Catania dall'altra. L'obiettivo è garantire l'accoglienza alle centinaia di persone sfollate dopo il terremoto del 26 dicembre. Per quanto tempo? «Fino alla durata della necessità», si legge nel documento, che stabilisce altresì che a pagare per gli sfollati sarà il dipartimento regionale di Protezione civile. Di numeri definiti è difficile averne: le richieste di intervento in abitazioni private sono circa 600 e i rilievi per stabilire quante abitazioni siano completamente inagibili hanno bisogno di un po' di tempo. Nel frattempo, le strutture alberghiere disponibili si preparano ad accogliere chi non ha una casa. Anche nelle stanze lasciate vuote dai turisti che hanno deciso di cancellare le proprie vacanze.

«Le persone stanno assimilando una grande paura guardando i telegiornali. Questa mattina (ieri per chi legge, ndr), la prima cosa che hanno detto è stata "l'epicentro è Zafferana Etnea". Ma non è così». A parlare a MeridioNews è Giuseppe Puleo, direttore dell'hotel Primavera dell'Etna di Zafferana, una delle strutture ricettive che hanno aderito alla convenzione. In uno dei Comuni più colpiti dal sisma, anche la sua struttura si è detta disponibile, con la prefettura di Catania, a ospitare le persone rimaste senza un tetto. L'epicentro del terremoto di magnitudo 4.8 avvertito ieri notte è localizzato tra Viagrande e Trecastagni, leggermente più a Sud di Zafferana. «Già stamattina (ieri, ndr) ho avuto una marea di cancellazioni dai turisti - continua l'uomo - Non verrà più nessuno». Il suo albergo, su 58 camere, ha registrato una quindicina di prenotazioni ritirate. Alle quali vanno aggiunge le persone che sono andate via in anticipo: «Ho avuto gente che dopo il terremoto ha pagato e se n'è andata. Sono letteralmente scappati: non è strano che le persone abbiano paura, ne ho anche io».

«Alcuni clienti sono andati via subito dopo il terremoto delle 3.19», racconta al telefono Carlotta Murabito, dell'agriturismo Fermata Spuligni, che la ragazza gestisce insieme al padre. Anche quello nel territorio di Zafferana Etnea. «Ci hanno detto che piuttosto che avere paura, preferiscono tornare a casa. Per carità, eravamo tutti spaventati», prosegue. «Se parliamo dei numeri delle cancellazioni di voli, sono stati piuttosto bassi», dichiara Nico Torrisi, presidente regionale di Federalberghi e amministratore delegato di Sac, la società che gestisce l'aeroporto di Catania. «Sappiamo di vivere in una terra vulcanica e quindi sismica - riconosce Torrisi - Fa parte del gioco. Ma i danni per il turismo, anche se è ancora presto per quantificarli, ci sono».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews