Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Terremoto, sono decine le chiese chiuse e inagibili
Pure quella di Santa Venerina, da poco ristrutturata

Le diocesi di Acireale e Catania hanno fatto un censimento, dopo i sopralluoghi effettuati insieme alla protezione civile e ai vigili del fuoco. Tra Zafferana, Santa Venerina e le frazioni di Acireale, ecco la situazione nel dettaglio. Guarda le foto

Salvo Catalano

Il campanile crollato, così come parte della facciata, nella chiesa di Fleri. La statua di sant'Emidio in frantumi a Pennisi. Nel terremoto che la notte di Natale ha stravolto la vita di migliaia di persone alle falde dell'Etna, le chiese rientrano tra le strutture che hanno avuto la peggio. Sono decine quelle chiuse, o perché già dichiarate inagibili o al momento solo per precauzione. Le diocesi di Acireale e Catania hanno già fatto un primo censimento, dopo i sopralluoghi svolti nelle ultime 48 ore insieme ai vigili del fuoco e ai tecnici della protezione civile. 

Sacro Cuore a Santa Venerina

Matrice di Aci Catena

Matrice di Aci Catena

Matrice di Aci Catena

Matrice di Aci Catena

Matrice di Aci Catena

Santa Lucia ad Aci Catena

Pennisi

Pennisi

Pennisi

Fiandaca

Fiandaca

Fiandaca

Fiandaca

Santa Venera a Santa Venerina

Santa Venera a Santa Venerina

Il simbolo del sisma è la chiesa Maria Santissima del Rosario a Fleri. Sono state dichiarate inagibili sia la vecchia struttura, usata negli ultimi dieci anni come locale per attività pastorali, che la moderna chiesa costruita accanto all'inizio degli anni '90. Dell'antica chiesa, dopo il terremoto del 2004, erano rimaste solo la facciata e le pareti esterne. «Dopo quel sisma - spiega Grazia Spampinato, vicedirettrice dell'ufficio Beni culturali della diocesi di Catania - il progetto di restauro portò alla costruzione di una nuova struttura interna, lasciando solo l'involucro antico fatto dalla facciata. Il tetto ad esempio fu interamente rifatto con criteri antisismici e infatti ha resistito. Ma il crollo della parte più antica ha compromesso l'intera struttura». Al momento l'ipotesi più plausibile è l'abbattimento integrale dell'edificio. Discorso diverso per la moderna chiesa costruita a inizio anni '90. «La zona delle celebrazioni è spaccata in due - continua Spampinato - e ci sono molte crepe al primo piano, ma abbiamo margini di recupero».

Rimanendo nel territorio della diocesi di Catania, l'altra chiesa chiusa e dichiarata inagibile è quella di Pisano, frazione di Zafferana Etnea. Qui se all'esterno è visibile solo la caduta di qualche calcinaccio, è all'interno che si riscontrano i danni maggiori: l'abside è infatti spaccato in più punti. Nessun problema strutturale alla chiesa madre di Zafferana Etnea, dove sono in corso ulteriori verifiche al campanile, ma al momento si registra solo qualche intonaco venuto giù. In generale non desta preoccupazione e rimane regolarmente aperta. 

Ben più lungo l'elenco delle chiese chiuse nella diocesi di Acireale. L'unica che è stata dichiarata ufficialmente inagibile è quella della frazione di Pennisi, insieme a Fleri il territorio più ferito dal terremoto e oggi praticamente vuoto, visto che quasi tutti i residenti sono stati costretti a lasciare le proprie case. Sono state invece chiuse per precauzione le seguenti chiese: Santa Maria della Misericordia a Piano d'Api, Santa Maria del Monte Carmelo e San Giuseppe ad Aci Platani, Santa Maria delle Grazie a Fiandaca, Santa Maria La Stella, Santa Lucia e la Consolazione ad Aci Catena (dove invece la chiesa madre è chiusa per ordinanza del sindaco ma avrebbe subito lievi danni, non strutturali che però metterebbero a rischio i festeggiamenti dell'11 gennaio per la Madonna della Catena), Maria Santissima del Rosario e Maria Vergine a Cosentini, e la chiesa di Linera

A queste si aggiungo due chiese a Santa Venerina: Santa Venera e Sacro Cuore. I danni peggiori si registrano nella prima, mentre nella seconda - oltre al crollo di una statua dalla facciata principale, visibile già nei momenti immediatamente successivi alla scosa - sono emerse anche lesioni interne. Si tratta della chiesa che aveva già subito pesanti danni dal terremoto del 2002 e che era stata riaperta al culto nel 2014, dopo dodici anni.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×