Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Etna: eruzione finita, lo sciame sismico diminuisce
L'Ingv: «Ma il fenomeno rimane ancora instabile»

«Un leggero decremento», ma il tremore vulcanico resta di livello medio-alto. A spiegarlo a MeridioNews è il vulcanologo Stefano Branca, dell'Ingv di Catania. «Segnaliamo, comunque, che è ancora continua l'attività esplosiva intracraterica»

Luisa Santangelo

Foto di: Iorga Prato

Foto di: Iorga Prato

«L'emissione lavica è finita e l'eruzione si è conclusa. Abbiamo registrato, inoltre, un leggero decremento dello sciame sismico. Il tremore vulcanico resta di livello medio alto, ragion per cui possiamo dire che il fenomeno è ancora instabile». A parlare con MeridioNews è il vulcanologo Stefano Branca, responsabile del monitoraggio per l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Catania. «D'altro canto, segnaliamo che è ancora continua l'attività esplosiva intracraterica». In altri termini: la colata sulla Valle del Bove si è fermata, ma l'Etna non si è ancora placata. Anche se la diminuzione dei terremoti - sia per frequenza sia per intensità - lascia respirare un pochino sia i tecnici sia i residenti.

Il picco dell'eruzione si è registrato nella mattinata del 24 dicembre, quando l'apertura di una nuova fessura nel versante Sud-Est del vulcano e un primo terremoto rilevante a Ragalna avevano attirato l'attenzione di cittadini e media sull'Etna. «In realtà aspettavamo un'eruzione da tempo - avevano spiegato gli esperti sin dai primissimi momenti - ma non era possibile prevedere in nessun modo se e quando la situazione si sarebbe evoluta». Quello che è accaduto nelle ore successive è noto a tutti: un lungo sciame sismico e i movimenti magmatici, nel sottosuolo, che indicavano il tentativo del materiale incandescente di intrudersi e continuare a spaccare la roccia sottoterra.

Una serie di micro-scosse che hanno causato l'attivarsi della faglia di Fiandaca: è stata quest'ultima a causare il sisma della notte di Santo Stefano. Un terremoto di magnitudo 4.8, localizzato a poca distanza dal territorio di Viagrande e a una profondità di poco più di un chilometro. I maggiori danni si sono registrati nelle frazioni di Fleri, Pennisi e Santa Maria La Stella, rispettivamente nei Comuni di Zafferana Etnea, Acireale e Aci Sant'AntonioCentinaia sono gli sfollati che, dopo una prima notte nelle palestre dei centri colpiti, saranno presto ospitati nelle strutture alberghiere che hanno dato la propria disponibilità.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×