Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania-Monopoli 2-0, ecco chi sale e chi scende
Calapai, treno sulla destra. Pisseri è Superman

Il Catania centra la terza vittoria consecutiva, battendo un ottimo Monopoli e agganciando il Trapani al secondo posto. Calapai ancora una volta è protagonista di una grande prestazione: anche Pisseri è fondamentale per blindare la porta degli etnei

Giorgio Tosto

Foto di: Calcio Catania Spa Official

Foto di: Calcio Catania Spa Official

Il Catania finisce il 2018 nel migliore dei modi, cogliendo per la prima volta in stagione il terzo successo consecutivo e mandando un chiaro messaggio alla Juve Stabia. Nove punti di distanza sono molti, ma i rossazzurri sono in crescita, dal punto di vista di qualità del gioco e convinzione messa in campo. Calapai e Pisseri si dividono la palma di migliori in campo: continuano invece a non pungere le due punte Curiale e Marotta.

Top

Luca Calapai: Finale d'anno strepitoso per il numero 26 rossazzurro. Il terzino destro sembra il miglior Zambrotta dei Mondiali 2006: giocatore devastante sulla fascia, a livello sia difensivo che offensivo. Supporta Manneh, sovrapponendosi sulla destra e sfornando cross interessanti. In fase di chiusura, limita al meglio il dirimpettaio Donnarumma. Giocatore da categoria superiore.

Top

Matteo Pisseri: il portiere del Catania si ripropone in versione Superman, come non lo si vedeva da tempo. E' grandioso nel primo tempo in due occasioni, levando a Gerardi la gioia di un gol che sembrava inevitabile. Nella ripresa compie due grandi interventi sulla deviazione di Esposito e la conclusione nel finale di Rota. Determinante per l'imbattibilità rossazzurra.

Top

Francesco Lodi: Fino al 60' il numero 10 rossazzurro avrebbe meritato un posto tra i peggiori in campo. Allo scoccare dell'ora di gioco, però, tira fuori dal cilindro una punizione meravigliosa, su cui Pissardo è inerme. Anche l'azione del 2-0 porta la sua firma: la sua sventagliata innesca Manneh che, poi, rifinisce per la conclusione vincente di Angiulli.

Flop

Alessandro Marotta: Il numero 9 etneo si rende protagonista della solita prestazione molto generosa, ma confusionaria. Ha due buone chances nel primo tempo, su cui mette alla frusta Pissardo. Non fa mai la cosa giusta però: nessun cross da sinistra per l'accorrente Curiale e molti duelli aerei persi contro Ferrara. Rimandato a gennaio.

Flop

Davis Curiale: Schierato per il secondo match di fila da prima punta, non profitta in avvio di un cioccolatino di Calapai recapitato sulla sua testa, colpendo male. Lavora molto per la squadra e si sfianca, fino ad essere sostuito da Vassallo nella ripresa. Un giocatore però lontano parente di quello ammirato lo scorso anno: la sua cattiveria sotto porta serve come il pane al Catania.

Flop

Simone Ciancio: Prova senza infamia e senza lode per il terzino rossazzurro, ancora una volta dirottato a sinistra da Sottil. Il mancino, però, non è il suo pezzo forte e si vede quando, invece di crossare, perde un tempo di gioco rientrando sul piede forte. Meglio in fase di copertura, anche se soffre molto Fabris. Si può fare di più.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×