Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

I paesi alle pendici dell'Etna si risvegliano imbiancati
Nevica nelle zone colpite dal sisma di santo Stefano

I maggiori accumuli si registrano oltre i 400 metri di quota ma, come era stato previsto, i fiocchi si sono posati anche su zone più basse. Coperti di bianco i territori interessati dal terremoto del 26 dicembre. Guarda le foto

Redazione

Le previsioni meteo lo avevano annunciato con il simbolo di un fiocco di neve. E, infatti, questa mattina molti paesi della provincia di Catania si sono svegliati imbiancati. Diversi in più rispetto a quelli che erano stati innevati già qualche giorno fa. I maggiori accumuli si registrano oltre i 400 metri di quota, ma delle spolverate bianche sono arrivate anche fino ad alcune aree della costa.

Presa (Piedimonte Etneo)

Presa (Piedimonte Etneo)

Fleri, zona rossa del terremoto (Zafferana Etnea)

Fleri (Zafferana Etnea)

Fornazzo (Milo)

Fleri (Zafferana Etnea)

Presa (Piedimonte Etneo)

Castiglione di Sicilia

Castiglione di Sicilia

Linguaglossa

Zafferana Etnea

Maletto

Pisano (Zafferana Etnea)

Pisano (Zafferana Etnea)

Linguaglossa

Maletto

Viagrande

Bronte

Adrano

Acireale

Pennisi (Acireale)

Milo

Piedimonte Etneo

Puntalazzo (Mascali)

Santa Venerina

Santa Venerina

Santa Venerina

Paternò

La neve è arrivata più copiosa anche nelle zone colpite dal terremoto di Santo Stefano, con la chiesa di Pennisi in parte crollata che si mostra sotto un coltre bianca. Ha fioccato pure su Fleri, Pisano, Poggiofelice, le frazioni di Zafferana Etnea ferite dal sisma. I Comuni che risultano imbiancati sono anche Calatabiano, Linguaglossa (lunedì le scuole rimarranno chiuse), Milo, Santa Venerina, Acireale, Mascali, Piedimonte Etneo, Castiglione, Randazzo, San Pietro Clarenza, Ragalna, Biancavilla, Santa Maria di Licodia, Adrano, Bronte, Maletto. Le precipitazioni si sono spinte anche verso  Giarre, Acireale, Aci Catena, Aci Sant'Antonio, Viagrande, Trecastagni e Paternò

Dalla serata di ieri i vigili del fuoco di Catania sono impegnati a tutto campo. Sono stati portati a termine oltre 30 interventi di soccorso per automobilisti in difficoltà o finiti fuori strada dopo aver perso il controllo del proprio veicolo, o coinvolti in incidenti stradali a causa del manto stradale ghiacciato o ricoperto di neve.

In nottata sono state soccorse anche persone che non riuscivano ad uscire dalla propria abitazione a causa della neve. Ad Adrano una squadra del locale distaccamento è entrata in azione per un incidente stradale autonomo di un autoarticolato che trasportava una gru e che si è ribaltato in via Solicchiata, in corrispondenza dell'imbocco della statale 121 in direzione Catania. La neve è caduta copiosamente anche nel Calatino, provocando a Caltagirone numerosi disagi e un consistente rallentamento nella raccolta dei rifiuti, dovuto all'oggettiva impossibilità o, comunque, alle consistenti difficoltà, da parte dei mezzi appositi, a raggiungere parecchie zone della città.

A Maletto - dove un'ordinanza ha stabilito la chiusura delle scuole per lunedì 7 e martedì 8 gennaio - Randazzo e Bronte i mezzi spargisale ieri hanno lavorato per tutto il giorno ma si è comunque formata una pericolosa patina di ghiaccioA Bronte, un camion che trasportava carburante è andato fuori strada spazzando via palo della pubblica illuminazione, segnaletica e finendo contro l’edificio che ospita degli uffici comunali. Il sindaco di Mascali Luigi Messina, visti gli accumuli consistenti di neve nella parte collinare e montana del territorio comunale - frazioni di Montargano e Puntalazzoha disposto il divieto di circolazione nel territorio comunale interessato da neve o ghiaccio di tutti i veicoli a motore, fino al termine dell’emergenza neve, anche al fine di agevolare la circolazione di mezzi di soccorso e di servizio.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.