Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Crisi Abate spa, è solo fumata grigia in prefettura
Trattativa per vendere 12 supermercati agli Arena

Dopo la cessione di 20 punti vendita, i negoziati in uscita vanno avanti. Nel corso del tavolo tecnico di oggi, l'azienda ha legato il salvataggio dei dipendenti al buon esito delle cessioni. L'elenco delle strutture che potrebbero passare al gruppo ennese

Marco Militello

Più che grigia, è una fumata grigio-nera a innalzarsi dal comignolo della prefettura di Catania. Si è concluso da pochi minuti il tavolo tecnico convocato per affrontare la crisi di Abate spa, colosso della grande distribuzione organizzata che sta dismettendo la sua rete di vendita per un eccesso di indebitamento. Per una volta, nessuna delle parti in causa ha fatto mancare la propria presenza: oltre ai sindacati, c'erano l'azienda (rappresentata da Marcello Abate), Ltm (che gestisce - in affitto di ramo d'azienda - il deposito merci della zona industriale), e il consorzio Sicilia discounts, di cui il gruppo Abate fa parte. 

Come aveva fatto nel primo confronto con i sindacati, l'azienda ha legato il salvataggio dei dipendenti -  specialmente addetti alla logistica e amministrativi - alle trattative in corso per cedere i rimanenti supermercati. In questo senso, Marcello Abate e il suo legale hanno illustrato un documento che conferma l'avvio di un negoziato con Arena srl. Il gruppo ennese starebbe trattando - anche qui in affitto di ramo d'azienda, ma con la prospettiva dell'acquisto - 12 punti vendita Famila e A&O. I supermarket si trovano a Catania (via Leopardi, via Messina, via Pola e via Sebastiano Catania, dove si trova anche una Upim coinvolta nell'operazione), a Belpasso (dentro Etnapolis), Biancavilla (in contrada Ciancianella), Giarre (corso Messina), Paternò (viale dei Platani), San Gregorio (via Morgione) e Siracusa (in via Floridia e via Algeri). In tutto impiegano 331 dipendenti, che - se non ci saranno intoppi su questo percorso - passeranno ad Arena srl. Alla finestra per rilevare altri ipermarket ci sono anche i gruppi MD e Rocchetta

Rimane teso il fronte dei lavoratori addetti alla logistica. Dovranno attendere gli sviluppi delle compravendite i 40 che operano al deposito merci della zona industriale, che pochi giorni fa - dopo aver ricevuto una lettera di licenziamento - hanno proclamato lo sciopero. Stesso discorso per i 90 (a contratto con Sicilia discounts) del magazzino di Belpasso. Qui però c'è una cattiva notizia: i potenziali acquirenti avrebbe già accennato a «possibili esuberi». Abate spa avrebbe infine ribadito la propria volontà di fare il possibile per evitare di bruciare posti di lavoro. La vertenza, nel complesso, riguarda una cinquantina di supermercati per circa 800 dipendenti

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×