Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Con il freddo serve aiutare i senza fissa dimora»
La solidarietà dei volontari di Paternò e Belpasso

L'associazione di protezione civile paternese ha attivato Sos freddo, una iniziativa volta a raccogliere coperti e altri generi di prima necessità con i quali assistere chi non ha un tetto sulla testa. La Misericordia belpassese, allo stesso scopo, ha aperto la sua sede

Salvatore Caruso

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Si chiama Sos freddo l’iniziativa di solidarietà promossa dall’Apas, l’associazione di protezione civile attiva sul territorio di Paternò, indirizzata a tutti coloro che, per motivi vari, dormono in giacigli di fortuna oppure sono privi di materiale o alimenti di prima necessità. «L’iniziativa nasce per dare un aiuto concreto ai meno fortunati, soprattutto in queste ore in cui il freddo la fa da padrone - dice a MeridioNews Salvo Pappalardo, presidente Apas -. Le temperature rigide degli ultimi giorni mettono a rischio i senza fissa dimora» . La notte scorsa a Paternò la colonnina di mercurio è scesa vicina allo zero. Nei giorni scorsi ad aggravare la situazione anche la fitta nevicata che ha imbiancato il territorio urbano ed extraurbano. A fare ricorso all’Apas fino ad adesso sono state circa 12 persone: si tratta di cittadini stranieri arrivati in città per lavorare nella campagna agrumicola. Sono uomini piuttosto giovani, che trascorrono la notte per lo più in case rurali dismesse, prive di tetto o di muri, non distanti dal centro abitato. 

«Abbiamo offerto generi di prima necessità - prosegue Pappalardo - in particolare coperte, ma anche del cibo. Rispetto agli anni precedenti dobbiamo registrare la presenza di un numero inferiore di stranieri che vanno a lavorare nei campi» L'assistenza viene offerta anche a tre persone paternesi, senza fissa dimora, che passano la notte nella sala d’aspetto del pronto soccorso dell’ospedale cittadino. L'Apas invita la città a un gesto di solidarietà: donare coperte all'associazione (la sede è in via Giovanni Verga, a Paternò) che poi si occuperà di distribuirle ai più bisognosi.

Anche a Belpasso, vista la rigidità delle temperature, un'associazione non profit si è attivata per dare sostegno ai meno fortunati. Si tratta della locale sezione della Misericordia. I cui responsabili hanno deciso di aprire la sede civico 5 di via Alcide De Gasperi durante la notte, per accogliere coloro che non hanno un tetto sopra la testa. La struttura dispone di sei posti letto nonché della possibilità di offrire dei pasti caldi. Nella prima notte in cui la Misericordia è rimasta aperta a usufruire del servizio una coppia belpassese. La sede resterà aperta la notte fino al prossimo 9 gennaio; se dovessero, comunque, esserci nuovamente temperature sotto lo zero, l’apertura notturna sarebbe prolungata.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×