Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Una bimba dona metà regalo di Natale ai terremotati
Da Bologna lettera e 50 euro: «Per ricostruire case»

Si chiama Chiara e ha nove anni la bambina che ha inviato una busta alla protezione civile di Zafferana «per aiutare le persone con la casa distrutta», spiega nel foglio scritto a stampatello. «La ringrazieremo mandandole la ricevuta», dicono dal dipartimento

Marta Silvestre

«Gentili signori della protezione civile, mi chiamo Chiara e ho 9 anni. Vi do questi 50 euro che sono metà del mio regalo di Natale per poter aiutare le persone con la casa distrutta per colpa dell'Etna e del terremoto». È questo l'inizio di una lettera scritta su un foglio bianco a penna nera con caratteri tutti a stampatello arrivata nella giornata di ieri alla sede della protezione civile di Zafferana Etna, uno dei territori più colpiti dal sisma della notte di santo Stefano. La mittente è una bambina di Bologna di nove anni che si firma con nome e cognome (quest'ultimo cancellato per preservarne la privacy). 

«La lettera ha riempito i nostri cuori di gioia e ci gratifica per ciò che abbiamo fatto in questi giorni», hanno commentato dalla protezione civile postando sulla propria pagina Facebook la lettera di cui sono stati destinatari. «Grazie per il gesto e le parole - continuano - sei veramente una bambina da ammirare». Il foglietto recapitato all'indirizzo della sede della protezione civile di Zaffarana Etnea è arrivato dentro una busta all'interno della quale c'era anche una banconota da 50 euro. Una cifra simbolica che, come spiega la bimba nel suo scritto «spero sia utile a ricostruire le case distrutte e soprattutto le chiese e il santo protettore dei terremotati». Parole e un gesto semplici di solidarietà che hanno stupito i destinatari.

«Non abbiamo ricevuto altre lettere simili e la cosa ci ha piacevolmente colpito. Non abbiamo ancora potuto ringraziare personalmente la bambina - spiega a MeridioNews Giuseppe De Luca, il capo della protezione civile di Zafferana - perché nella lettera non c'è un recapito telefonico a cui contattarla ma solo l'indirizzo della mittente sulla busta. Provvederemo al più presto - conclude - a mandarle la ricevuta dell'avvenuto accredito della somma donata sui conti correnti attivati per l'emergenza».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×