Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il parcheggio Lupo è stato escluso dal piano comunale
«È in centro storico». Salta pure quello di viale Fleming

Durante la fase di verifica, due delle cinque opere sono saltate. La comunicazione arriva dalla direzione Lavori pubblici del Comune di Catania dopo una richiesta di accesso agli atti da Catania Bene Comune. Resta l'idea di rispolverare il project financing del 2005

Marta Silvestre

Foto di: www.architetticercasi.eu

Foto di: www.architetticercasi.eu

«Il parcheggio Lupo ricade all'interno del centro storico e, pertanto, non è finanziabile con i fondi stanziati». È questa la comunicazione che arriva dalla direzione Lavori pubblici del Comune di Catania dopo un'istanza di accesso agli atti sul bando parcheggi della Regione siciliana richiesto dal movimento politico Catania Bene Comune. Lo scorso ottobre, la giunta guidata dal sindaco Salvo Pogliese ha annunciato la realizzazione di cinque parcheggi scambiatori in città, tramite fondi regionali, situati in viale Raffaello Sanzio, in via Aci Castello, in viale Fleming, in via Narciso e in piazza Pietro Lupo

Eseguiti gli accertamenti preliminari, però, è emerso che il parcheggio Lupo ricade nel centro storico e non è, quindi, finanziabile con questi e che «l'area parcheggio Fleming è stata recentemente acquisita dalla Gestione ministeriale della ferrovia circumetnea che ha già in corso la progettazione del parcheggio», come si legge nel documento del Comune. «Conseguentemente, le attività della direzione si sono concentrate sulla redazione dei progetti dei rimanenti tre parcheggi di cui sono state riformulate le specifiche di progettazione al fine di garantire comunque l'impiego dell'intera somma assegnata all'amministrazione». 

In particolare, l'area del parcheggio Narciso è stata estesa per consentire l'accesso degli autobus da via Leonardo da Vinci, mentre la realizzazione del parcheggio Sanzio è stata riformulata su tre elevazioni di cui una interrata, una a livello di via Raffaello Sanzio e l'altra a livello di via Imperia. Sono in corso di redazione - dopo l'ottenimento di una proroga - i progetti esecutivi da parte del personale tecnico interno all'amministrazione. Nel complesso, si parla di oltre 23 milioni di euro

Durante la fase di verifica dei progetti, in pratica, due dei cinque parcheggi previsti sono saltati. Subito dopo l'approvazione in giunta del piano parcheggi, per quanto riguarda la zona di piazza Lupo, molte associazioni erano intervenute per invitare l'amministrazione a ritirare il progetto e rimodularlo inserendo aree più adatte. «Era lampante che nessun progetto di parcheggio scambiatore avrebbe potuto interessare piazza Lupo - dicono da Catania Bene Comune - in quanto si trova nel cuore del centro storico, lontana dalle fermate di autobus e metro». Condizioni che, stando al bando regionale, escludono la possibilità di finanziamento.

«Il ritardo con il quale la giunta e l'assessore ai Lavori Pubblici hanno preso atto dell'impossibilità di realizzare tali progetti ha impedito che si inoltrassero nuove proposte, e adesso, se la Regione autorizzerà, si dovranno spendere i soldi che sarebbero serviti per cinque parcheggi solo per tre, con uno sperpero inutile di risorse in una città in dissesto». Escluso dal piano di finanziamento della Regione, il progetto del parcheggio in piazza Lupo non è comunque stato accantonato dall'amministrazione. «Al momento siamo in stand-by - dichiara l'assessore Pippo Arcidiacono a MeridioNews - ma, prossimamente, il sindaco ha già in programma di incontrare il presentatore del progetto iniziale, ovvero il trio composto dall'imprenditore Francesco Vinlinzi, dalla società Cisa dell'amministrazione controllata di Mario Ciancio e anche dal gruppo Di Martino». Resta invariata, in pratica, l'idea di rispolverare un project financing che risale al 2005: abbattimento dello stabile, costruzione di un parcheggio sotterraneo, realizzazione di una piazza in superficie. Per un costo che si aggira tra i 12 e i 14 milioni di euro

Un primo dietrofront sulla realizzazione del parcheggio in piazza Lupo era già arrivato già alla fine dello scorso novembre, quando l'assessore era andato a fare visita agli attivisti del Laboratorio urbano popolare di palestra Lupo, nel cuore del quartiere Civita. In quella occasione l'assessore aveva detto a MeridioNews che «l'amministrazione è arrivata alla decisione di non inserire il parcheggio Lupo semplicemente perché abbiamo tenuto conto delle esigenze della città: è una piazza molto bella e, per recuperarla e riqualificarla, c'è da abbattere quella schifezza». La «schifezza» sarebbe per l'assessore l'immobile di proprietà di Palazzo degli elefanti che da deposito degli autobus è diventato una palestra di scherma e che, ormai diversi anni, è stato occupato e trasformato in un laboratorio urbano da un gruppo di cittadini.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×