Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Terremoto, due scosse di fila fra Zafferana e Milo
Alunni fuori dalle scuole, lo sciame non si placa

Un sisma localizzato a 11 chilometri di profondità in piena Valle del Bove è stato subito seguito da un secondo movimento avvertito nel Comune più colpito dalle scosse dei giorni scorsi. Preoccupazione fra i cittadini e negli istituti scolastici

Redazione

Un scossa di magnitudo 2.0, questa mattina alle 11.45, è stata avvertita dalla popolazione a Zafferana Etnea, uno dei comuni più colpiti dal terremoto di Santo Stefano. Il sisma è stato registrato dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia a una profondità di due chilometri.

I ragazzi di alcune scuole sono stati fatti uscire dagli edifici scolastici. In base alla procedure previste, ha spiegato alle agenzie il sindaco Alfio Vincenzo Russo, gli studenti sono stati condotti nei cortili e negli spazi aperti dei plessi. 

Il movimento tellurico era stato preceduto pochi secondi prima da una scossa di pari grado localizzata a cinque chilometri a ovest da  Milo, in piena Valle del Bove, a ben 11 chilometri di profondità. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×