Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Operazione Stella cadente, ecco i nomi dei 37 coinvolti
Manodopera della piazza di spaccio affidata ai minori

Il lavoro delle Direzione distrettuale antimafia etnea, che si estende nelle province di Caltanissetta e Ragusa, è stata portato a termine dai carabinieri di Catania. Leggi tutti i nomi. Guarda foto e video

Redazione

Spacciavano anche se avevano meno di 14 anni. È questo il dato più inquietante che emerge dai dettagli dell'operazione Stella cadente, il blitz che è scattato questa mattina all'alba nel quartiere di San Cristoforo e che ha portato all'applicazione delle misure cautelari nei confronti di 37 persone: 27 sono state portate in carcere, tre minorenni l'istituto penale minorile di Bicocca, tre sono agli arresti domiciliari e quattro hanno l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Tutto per una piazza di spaccio capace di fruttare fino a undicimila euro al giorno, che finivano dritti nelle tasche del gruppo dei Nizza della famiglia Santapaola-Ercolano (guidato da Andrea Nizza, arrestato a gennaio 2017 dopo una lunga latitanza). Un legame talmente stretto che uno dei giovani arrestati oggi (Mario Marletta, 29 anni) si sarebbe perfino trasferito nella casa dei Nizza di viale Moncada, a Librino

Daniele Agostino Calaciura (Catania, 24/05/1988)

Lorenzo Marco Cantone (Catania, 27/02/1992)

Alessandro Conti (Catania, 22/01/1993)

Carlo Cutrona (Catania, 22/06/1983)

Angelo De Luca (Catania, 09/05/1984)

Simone De Luca (Catania, 28/01/1990)

Manuel Antonio Di Benedetto (Catania, 13/06/1995)

Antonino Drago (Catania, 01/05/1988)

Ferdinando Faro (Catania, 24/04/1996)

Andrea Ferruggia (Catania, 06/08/1990)

Omid Goodarzi (Catania, 22/02/1995)

Antonino Grasso (Catania, 13/04/1994)

Davide Guerra (Catania, 18/07/1981)

Dario Lo Presti (Catania, 05/01/1983)

Mario Marletta (Catania, 05/01/1989)

Salvatore Maugeri (Catania, 31/05/1996)

Massimo Munzone (Catania, 03/01/1986)

Vincenzo Napoli (Catania, 29/09/1994)

Benito Pastura (Catania, 27/11/1991)

Carmelo Cristian Patanè (Catania, 19/07/1994)

Angelo Lucio Pescatore (Catania, 13/12/1982)

Vanessa Pittarà (Catania, 11/12/1987)

Nunzio Plandera (Catania, 23/07/1979)

Michele Polizzi (Catania, 20/09/1984)

Giovanni Maria Privitera (Catania, 07/08/1983)

Pietro Privitera (Catania, 12/07/1981)

Carmelo Scalia (Catania, 17/11/1992)

Damiano Sparacino (Catania, 14/05/1991)

Manuel Taglieri (Catania, 04/07/1996)

Orazio Vicino (Catania, 13/05/1998)

Lo schema, anche stavolta, è uguale a quello fotografato con le altre operazioni antidroga: giovanissime staffette si danno il cambio in turni del mattino, del pomeriggio e della sera. «Inglobate - le definisce la magistrata Caterina Ajello, del tribunale per i Minori - in un'attività delinquenziale di stampo imprenditoriale». Resa florida anche per via della facilità di reclutamento della manovalanza. «Quartieri come Librino - aggiunge Ajello - mettono a disposizione una manodopera sterminata». Tant'è che dopo ogni blitz le attività continuano come se niente fosse stato: «C'è stato subito un ricambio e non possiamo ignorare la genesi del crimine: ci muoviamo in una realtà sociale fatta di evasione scolastica e sacche di povertà. I ragazzi crescono con il convincimento che, tutto sommato, spacciare è normale: un lavoro come un altro, forse l'unico».

E sicuramente è un impiego piuttosto redditizio, almeno per chi scala le gerarchie. «La criminalità organizzata monopolizza qualsiasi attività sociale», attacca il procuratore capo Carmelo Zuccaro. «In questi quartieri l'attività giudiziaria non è sufficiente, noi chiediamo prevenzione - commenta - Il prefetto mi ha assicurato che i controlli saranno intensificati, ma temo che si ritorni allo stesso punto». Se non si fa in modo di evitare che i ragazzini finiscano in mezzo alla strada a vendere cocaina e marijuana. Nell'operazione di oggi sono stati impiegati oltre 150 carabinieri del comando provinciale di Catania.

In carcere
1. Daniele Agostino Calaciura (Catania, 24/05/1988)
2. Alessandro Conti (Catania, 22/01/1993)
3. Carlo Cutrona (Catania, 22/06/1983)
4. Angelo De Luca (Catania, 09/05/1984)
5. Simone De Luca (Catania, 28/01/1990)
6. Manuel Antonio Di Benedetto (Catania, 13/06/1995)
7. Antonino Drago (Catania, 01/05/1988)
8. Ferdinando Faro (Catania, 24/04/1996)
9. Omid Goodarzi (Catania, 22/02/1995)
10. Antonino Grasso (Catania, 13/04/1994)
11. Davide Guerra (Catania, 18/07/1981)
12. Dario Lo Presti (Catania, 05/01/1983)
13. Mario Marletta (Catania, 05/01/1989)
14. Salvatore Maugeri (Catania, 31/05/1996)
15. Massimo Munzone (Catania, 03/01/1986)
16. Vincenzo Napoli (Catania, 29/09/1994)
17. Benito Pastura (Catania, 27/11/1991)
18. Carmelo Cristian Patanè (Catania, 19/07/1994)
19. Angelo Lucio Pescatore (Catania, 13/12/1982)
20. Vanessa Pittarà (Catania, 11/12/1987)
21. Nunzio Plandera (Catania, 23/07/1979)
22. Michele Polizzi (Catania, 20/09/1984)
23. Giovanni Maria Privitera (Catania, 07/08/1983)
24. Pietro Privitera (Catania, 12/07/1981)
25. Carmelo Scalia (Catania, 17/11/1992)
26. Damiano Sparacino (Catania, 14/05/1991)
27. Manuel Taglieri (Catania, 04/07/1996)

Minorenni trasferiti all'Istituto penale minorile di Bicocca
28. P. D. (classe 2000)
29. T. G. (classe 2000)
30. C. S. (classe 2002)

Agli arresti domiciliari
31. Lorenzo Marco Cantone (Catania, 27/02/1992)
32. Andrea Ferruggia (Catania, 06/08/1990)
33. Orazio Vicino (Catania, 13/05/1998)

Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria
34. Vanessa Ardito (Catania, 18/11/1987)
35. Mario Bonaventura (Catania, 27/02/1995)
36. Salvatore Fazio (Catania, 01/09/1999)
37. Giuseppe Scafaria (Reggio Calabria, 29/09/1999)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×