Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calciomercato Catania, oggi è il giorno di Carriero
Per Di Piazza e Sarno si continua a trattare: il punto

La campagna acquisti entra ufficialmente nel vivo. In giornata, salvo sorprese, verrà ufficializzato il prestito dal Parma della mezzala Giuseppe Carriero, 21 anni. Per Vincenzo Sarno e Matteo Di Piazza trattative in stand-by. In uscita, Curiale interessa al Gubbio

Giorgio Tosto

Gennaio, mese di acquisti e speranze, di buoni propositi e voglia di ricominciare. Il campionato del Catania entrerà nuovamente nel vivo la prossima settimana, con la trasferta di Siracusa. Nel frattempo, però, l'amministratore delegato Pietro Lo Monaco e il direttore sportivo Christian Argurio lavorano senza sosta, per permettere ai rossazzurri di ripresentarsi in campo nelle migliori condizioni possibili. Sono quattro i nomi caldi nella lista del direttore: pedine che potrebbero permettere alla squadra di compiere un ulteriore salto di qualità, per insidiare una Juve Stabia che finora non ha avuto momenti di flessione.

Oggi, al massimo lunedì, la società di via Magenta ufficializzerà l'acquisto numero uno. Si tratta di Giuseppe Carriero, mezzala classe 1997 che arriva in prestito dal Parma. Il ragazzo, messosi in luce con due buone annate a Caserta, è atterrato a Catania nella serata di ieri ed è già a Torre del Grifo: è il primo, ma non unico rinforzo per il reparto mediano. Il grande obiettivo, infatti, continua ad essere Antonio Palumbo. Il giocatore ex Trapani, di proprietà della Sampdoria e in forza alla Salernitana, dovrebbe rientrare alla base per essere successivamente girato in Sicilia. Doriani e i rossazzurri sono d'accordo su tutto, si va verso il sì definitivo. 

Le grandi manovre di mercato, poi, riguardano il reparto offensivo. Sono due i nomi in grande evidenza nel taccuino di Lo Monaco e Argurio. Si tratta dell'esterno offensivo Vincenzo Sarno e dell'attaccante Matteo Di Piazza. Partendo dal primo, l'affare sembrava essere in dirittura d'arrivo nei giorni scorsi. L'estrosa ala destra non trova spazio al Padova (Serie B) e ha apertamente dichiarato alla società veneta come la sua priorità sia rappresentata dall'approdo in Sicilia. Sarno è un calciatore che per estro, tecnica e capacità di saltare l'uomo, sembra essere il profilo ideale per dare qualcosa in più all'attacco rossazzurro. I bianco-scudati hanno dato la propria disponibilità a liberare il giocatore, arrivando a una risoluzione: si tratta, adesso, di raggiungere un accordo sul contratto che legherà l'ex bambino prodigio del Toro alla società etnea.

Resta in stand-by anche la trattativa per l'attaccante del Cosenza Matteo Di Piazza. I mugugni di parte della tifoseria rossazzurra fanno da contorno a un'operazione che si fa via via più complicata. Tutto ha origine da una dichiarazione dello scorso anno quando, con la maglia del Lecce, ha segnato la rete del pari contro i rossazzurri: «È stato bellissimo - aveva dichiarato il bomber di Partinico - per me che sono palermitano un piacere in più». Dettagli a parte, il vero ostacolo è rappresentato dal significativo conguaglio che vorrebbe il Cosenza per liberare il giocatore. Una richiesta considerata eccessiva anche dal suo procuratore: se il bomber dovesse rimanere in Calabria, l'alternativa sarebbe costituita da Andrea Bianchimano, punta ex Reggina adesso in forza al Perugia.

L'approdo in Sicilia di uno tra Bianchimano e Di Piazza potrebbe significare l'addio a Davis Curiale. Il capocannoniere dello scorso campionato di C ha disputato un girone d'andata al di sotto delle aspettative, con quattro soli gol realizzati. Il Gubbio, società del Girone B di Lega Pro, ha messo gli occhi su di lui. Dalla Calabria, poi, arrivano voci di un clamoroso interessamento della Reggina su Francesco Lodi. Gli amaranto, freschi di cambio di proprietà, puntano a raggiungere i playoff di C e vogliono rafforzare la rosa con acquisti di peso. Il numero 10 rossazzurro, però, è legato a Catania da una scelta di vita.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×