Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Arrestate due persone per rapina aggravata

Redazione

Nella serata di ieri, personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico unitamente a personale della Squadra Mobile ha arrestato il pregiudicato PAGANO Carmelo classe ’85 e SPAMPINATO Alessandro classe 2000, per il reato di rapina aggravata in concorso, lesioni gravi e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Nello specifico, nella serata di ieri, la Sala Operativa diramava nota di ricerca di due soggetti a bordo di una Fiat Punto di colore rosso resisi responsabili di scippo ai danni di una donna, in via Cave di Villarà, aggiungendo che, detta autovettura, da qualche giorno era stata segnalata quale mezzo utilizzato per il compimento di diversi reati contro il patrimonio.

Successivamente, intorno alle ore 20:50, la Sala Operativa dirama una nuova nota, relativa a un altro scippo appena consumato in Corso dei Mille ad opera di due malfattori che si erano allontanati a bordo della medesima autovettura.

Nell’immediatezza, la Volante è riuscita ad intercettare in via Fossa della Creta angolo via Missori, l’autovettura Fiat Punto di colore rosso, con a bordo i due soggetti e, intuito che potesse trattarsi degli autori dello scippo poco prima descritto, ha subito loro intimato l’alt polizia; ma, nonostante ciò, il conducente dell’autovettura ha accelerato repentinamente la marcia, cercando così di seminare gli operatori.

Ne è scaturito un lungo e rocambolesco inseguimento per le vie cittadine con varie manovre avventate mettendo in serio pericolo l’incolumità degli utenti della strada.

L’inseguimento si è protratto per le vie del centro cittadino, sino a quando il conducente della “Punto rossa”, a causa delle pericolose manovre e della forte velocità, ha perso il controllo del veicolo collidendo violentemente contro un’altra autovettura parcata, provocando ingenti danni al suddetto veicolo.

A seguito del violento impatto, i malfattori sono stati costretti a scendere dal mezzo ma, nonostante il ripetuto “Alt Polizia”, hanno continuato la loro corsa appiedati costringendo gli agenti ad intraprendere un nuovo inseguimento per le vie limitrofe.

Dopo un lungo ed estenuante inseguimento, uno dei due soggetti è stato prontamente bloccato ed immobilizzato da uno degli agenti delle Volanti, nonostante la resistenza opposta.

Il secondo fuggitivo, ovvero il conducente dell’auto, è stato bloccato in via Palermo da una pattuglia dei Falchi della -Sezione Contrasto al Crimine Diffuso- della Squadra Mobile.

Alla luce di quanto sopra, i due delinquenti, dopo le incombenze di rito e i rilievi foto-dattiloscopici, sono stati arrestati e, su disposizione del PM di turno, condotti presso la Casa Circondariale di Piazza Lanza in attesa dell’udienza di convalida.

Contestualmente, presso l’Ufficio Denunce della Questura di Catania, si sono presentate le vittime dei reati sopra indicati per sporgere denuncia ai quali è stato restituito il maltolto, nonché le rispettive borse in precedenza recuperate.

(Fonte: Comunicato stampa Questura di Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×