Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Bronte, smantellata la rete di spaccio di marijuana
Droga da Librino e Villaggio Sant'Agata, 12 arresti

Tra febbraio e novembre 2017 i carabinieri di Randazzo hanno identificato i presunti appartenenti a un'associazione in grado di determinare il prezzo dell'erba brontese, dose per dose. Guarda il video e le foto

Redazione

Berlusconi, Enzino, Becchino. Sono i soprannomi con i quali sono note, nel territorio di Bronte, tre delle 12 persone arrestate questa mattina su disposizione della procura di Catania. Sessanta carabinieri, assieme alle unità cinofile e agli elicotteri, per un blitz antidroga alle pendici dell'Etna. Le accuse, a vario titolo, sono di associazione finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Il capo e promotore dell'organizzazione sarebbe stato, secondo gli inquirenti, il brontese Andrea Gullotti (classe 1990), mentre ad aiutarlo ci sarebbe stato Giuseppe Parisi, originario di Biancavilla, classe 1985.

L'indagine - denominata Sciarotta - è stata portata avanti dai carabinieri di Randazzo: pedinamenti e registrazioni avrebbero evidenziato l'esistenza di una struttura organizzata dedita al traffico di marijuana a Bronte e dintorni. I militari, tra febbraio e novembre 2017, sarebbero stati in grado di definire i ruoli, le modalità e i luoghi dove veniva nascosta l'erba. Per lo più caseggiati rurali e terreni, in modo da rendere più difficilmente identificabile l'origine della droga in caso di sequestro. 

Federico Montagno Cappuccinello

Giuseppe Leanza

Giannunzio Fichera

Dario Marullo

Enzo Currenti

Giosué Cimbali

Luana Sciavarrello

Giuseppe Parisi

Gaetano Merlo

Alex Spitaleri

Andrea Gullotti

Patrizio Cavallaro

La marijuana proveniva, secondo l'inchiesta, in primo luogo da Catania: Librino e Villaggio Sant'Agata, soprattutto, sebbene fossero aperti canali di approvvigionamento anche con i Comuni limitrofi a quello brontese. «Gli indagati - si legge in una nota dei carabinieri - esercitando un ruolo dominante sul territorio nel traffico di stupefacenti, erano in grado di determinare il prezzo di ogni singola dose di sostanza spacciata».

I nomi degli arrestati

  1. GULLOTTI Andrea, nato a Bronte (CT) il 02/02/1990 (con la qualifica di capo e promotore dell’associazione);
  2. PARISI Giuseppe, nato a Biancavilla (CT) il 14/06/1985 (con la qualifica di organizzatore);
  3. MONTAGNO CAPPUCCINELLO Federico, inteso “Berlusconi”, nato a Bronte (CT) il 26/06/1990;
  4. CURRENTI Enzo, inteso “Enzino”, nato a Bronte (CT) il 17/08/1991;
  5. SPITALERI Alex, inteso “becchino”, nato a Bronte (CT) il 24/10/1994;
  6. CAVALLARO Patrizio, nato a Bronte (CT) il 20/05/1995;
  7. MERLO Gaetano, nato a Bronte (CT) il 11/12/1986;
  8. MARULLO Dario, nato a Bronte (CT) il 12/09/1992;
  9. SCIAVARRELLO Luana, nata a Bronte (CT) il 02/02/1990;
  10. LEANZA Giuseppe, inteso “Peppe a’ mafia”, nato a Bronte (CT) il 18/06/1978;
  11. CIMBALI Giosuè, nato a Bronte (CT) il 11/11/1980;
  12. FICHERA Giannunzio, nato a Bronte (CT) il 04/10/1996;

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×